Amleto Giovanni Cicognani

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Amleto Giovanni Cicognani
221EP) Stemma Card. Cicognani Amleto Giovanni (1883-1973).jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

CICOGNANI AMLETO GIOVANNI (+1973).jpg

{{{didascalia}}}
Vigilat nec fatiscit
Titolo cardinalizio
Età alla morte 90 anni
Nascita Brisighella
24 febbraio 1883
Morte Città del Vaticano
17 dicembre 1973
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Faenza, 23 settembre 1905 da Vescovo Gioacchino Cantagalli
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 17 marzo 1933 da Pio XI
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione arcivescovile {{{C}}}
Consacrazione arcivescovile Roma, 23 aprile 1933 dal cardinale Raffaele Carlo Rossi
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
15 dicembre 1958 da Giovanni XXIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Vescovi
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Amleto Giovanni Cicognani (Brisighella, 24 febbraio 1883; † Città del Vaticano, 17 dicembre 1973) è stato un cardinale italiano, Segretario di Stato e Decano del Collegio Cardinalizio.

Biografia

Dopo l'ordinazione presbiterale, il 23 settembre 1905 Cicognani studiò fino al 1910 a Roma teologia, filosofia e diritto canonico. In seguito iniziò subito la sua carriera nella Curia romana quale collaboratore della Congregazione per i riti e in quelle per le chiese orientali e per i vescovi.

Il 17 marzo 1933 papa Pio XI lo nomina Delegato apostolico negli Stati Uniti, dopo averlo eletto Vescovo con il titolo di Laodicea in Frigia, ossia una Diocesi in partibus infidelium. L'ordinazione episcopale è impartita a Cicognani il 23 aprile 1933 dal Segretario della Congregazione per i Vescovi Cardinale Raffaele Carlo Rossi, concelebranti furono Giuseppe Pizzardo e il Segretario della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli Cardinale in pectore Carlo Salotti.

Cicognani rimase Delegato apostolico per ben 25 anni, dunque per un periodo più lungo di qualunque suo predecessore. Papa Giovanni XXIII lo crea Cardinale nel suo primo concistoro del 15 dicembre 1958 con il titolo di San Clemente. Cinque anni prima pure suo fratello Gaetano Cicognani (1881-1962) aveva ottenuto la porpora da papa Pio XII, ciò rappresento un'eccezione alla norma canonica che proibiva la presenza nel Collegio cardinalizio di due fratelli. Sarà poi nominato Cardinale Vescovo di Frascati il 23 maggio 1962 succedendo proprio al fratello Gaetano, morto il 5 febbraio dello stesso anno.

Con l'ordinario diocesano di Frascati, mons. Luigi Liverzani, seppe instaurare una feconda collaborazione; restaurò ed abbellì la chiesa cattedrale e vi devolse molti doni ricevuti negli Stati Uniti.

Il 14 novembre 1959 Cicognani è nominato Segretario della Congregazione per le chiese orientali e, alla morte del Cardinale Tardini il 12 agosto 1961 Cardinal Segretario di Stato, in tale veste egli partecipa dunque al Concilio Vaticano II. Quale Cardinal Segretario di Stato. In questo ruolo Cicognani sarà molto apprezzato, fra l'altro, per l'ottima conoscenza della lingua inglese e - anche a livello di contatti personali - della realtà degli Stati Uniti: fattore di non trascurabile importanza negli anni della guerra fredda e della crisi di Cuba dell'ottobre 1962.

Riconfermato nel proprio incarico dopo la morte di papa Giovanni XXIII dal successore Paolo VI, fu da questi nominato Presidente della Administratio Patrimonii Sedis Apostolicae il 7 maggio 1968.

Il 30 aprile 1969 Cicognani lascia tutti gli uffici fino ad allora ricoperti. Il 22 giugno dello stesso anno consacra, nella cattedrale di Faenza, il forlivese Pio Laghi arcivescovo titolare di Mauriana.

Il 24 marzo 1972 diventa Cardinal decano del Collegio Cardinalizio e con ciò assume il titolo di Cardinale Vescovo di Ostia.

Morì povero a Roma e fu tumulato nella basilica di San Clemente. Ai suoi funerali partecipò il papa Paolo VI.

Onorificenze

Onorificenze italiane

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 2 novembre 1961[2]

Onorificenze straniere

Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 1965
Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 3 aprile 1963
Gran Croce dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo)
— 21 ottobre 1966
Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 1964

Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Assessore della Congregazione per le Chiese Orientali Successore: Emblem Holy See.svg
Isaias Papadopulos 16 febbraio 1928 - 17 marzo 1933 Giuseppe Cesarini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Isaias Papadopulos {{{data}}} Giuseppe Cesarini
Predecessore: Arcivescovo titolare di Laodicea di Frigia Successore: ArcbishopCoA PioM.svg
Sébastien Herscher 17 marzo 1933 - 15 dicembre 1958 Émile André Jean-Marie Maury I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Sébastien Herscher {{{data}}} Émile André Jean-Marie Maury
Predecessore: Delegato apostolico negli Stati Uniti d'America Successore: Emblem Holy See.svg
Pietro Fumasoni Biondi 17 marzo 1933 - 15 dicembre 1958 Egidio Vagnozzi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Fumasoni Biondi {{{data}}} Egidio Vagnozzi
Predecessore: Cardinale presbitero di San Clemente Successore: Stemma cardinale.png
Johannes de Jong 18 dicembre 1958 - 23 maggio 1962 Lawrence Joseph Shehan I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Johannes de Jong {{{data}}} Lawrence Joseph Shehan
Predecessore: Segretario della Congregazione per le Chiese Orientali Successore: Emblem Holy See.svg
Eugène Tisserant 14 novembre 1959 - 12 agosto 1961 Gabriel Acacius Coussa, B.A. I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Eugène Tisserant {{{data}}} Gabriel Acacius Coussa, B.A.
Predecessore: Cardinale Segretario di Stato di Sua Santità Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Tardini 12 agosto 1961 - 30 aprile 1969 Jean-Marie Villot I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Tardini {{{data}}} Jean-Marie Villot
Predecessore: Presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano Successore: Vatican City CoA.svg
Nicola Canali 12 agosto 1961 - 30 aprile 1969 Jean-Marie Villot I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Nicola Canali {{{data}}} Jean-Marie Villot
Predecessore: Prefetto della Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Tardini 12 agosto 1961 - 15 agosto 1967 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Tardini {{{data}}} -
Predecessore: Cardinale protettore della Pontificia Accademia Ecclesiastica Successore: Emblem Holy See.svg
Domenico Tardini 12 agosto 1961 - 30 aprile 1969 Jean-Marie Villot I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Domenico Tardini {{{data}}} Jean-Marie Villot
Predecessore: Cardinale vescovo di Frascati Successore: CardinalCoA PioM.svg
Gaetano Cicognani 23 maggio 1962 - 17 dicembre 1973 Jean-Marie Villot I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaetano Cicognani {{{data}}} Jean-Marie Villot
Predecessore: Presidente della Commissione per il Coordinamento del Lavoro Conciliare Successore: Emblem Holy See.svg
- 6 settembre 1962 - 7 dicembre 1965 - I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} -
Predecessore: Presidente delegato della Commissione Centrale per il Coordinamento del Lavoro Post-Conciliare e l'Interpretazione delle Risoluzioni Conciliari Successore: Emblem Holy See.svg
- 7 dicembre 1965 - 21 febbraio 1967 Pericle Felici I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Pericle Felici
Predecessore: Prefetto del Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa Successore: Emblem Holy See.svg
- 15 agosto 1967 - 30 aprile 1969 Jean-Marie Villot I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Jean-Marie Villot
Predecessore: Presidente dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
- 7 maggio 1968 - 28 aprile 1969 Jean-Marie Villot I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Jean-Marie Villot
Predecessore: Cardinale Vescovo di Ostia Successore: Stemma cardinale.png
Eugène Tisserant 24 marzo 1972 - 17 dicembre 1973 Luigi Traglia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Eugène Tisserant {{{data}}} Luigi Traglia
Predecessore: Decano del Collegio Cardinalizio Successore: Pavillon pontifical.png
Eugène Tisserant 24 marzo 1972 - 17 dicembre 1973 Luigi Traglia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Eugène Tisserant {{{data}}} Luigi Traglia
Note
  1. Lettera Apostolica Motu Proprio Finis Concilio Oecumenico Vaticano II
  2. Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.