Andrea Riccardi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Andrea Riccardi
Laico
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
Fondatore della Comunità di Sant'Egidio

Andrea Riccardi.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età attuale 67 anni
Nascita Roma
16 gennaio 1950
Morte
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
[[{{{aP}}}]] ([[Concistoro del {{{aP}}}|vedi]])
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
Sito ufficiale o di riferimento
Andrea Riccardi (Roma, 16 gennaio 1950) è uno storico e fondatore italiano della Comunità di Sant'Egidio. Dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 è stato ministro per la Cooperazione Internazionale e l'Integrazione del governo Monti.

Biografia

Professore ordinario dal 1981, ha insegnato all'Università di Bari e alla Sapienza di Roma. Attualmente è ordinario di Storia Contemporanea presso la Terza Università degli Studi di Roma.

Nel 1968 ha fondato la Comunità di Sant'Egidio, movimento laicale conosciuto per l'impegno sociale, per i numerosi progetti di sviluppo nel Sud del mondo e per il suo lavoro a favore della pace e del dialogo. In particolare, Riccardi ha avuto un ruolo di mediazione in diversi conflitti e ha contribuito al raggiungimento della pace in alcuni Paesi, tra cui il Mozambico, il Guatemala, la Costa d'Avorio.

Nel 2003 la rivista Time lo ha inserito nell'elenco dei trentasei "eroi moderni" d'Europa, cioè coloro che si sono distinti per coraggio professionale e impegno umanitario. Studioso della Chiesa in età moderna e contemporanea, ma anche del fenomeno religioso nel suo complesso, ha al suo attivo numerose pubblicazioni, alcune delle quali tradotte in dieci lingue.

Il 18 novembre 2004 la Fondazione Internazionale Premio Balzan lo ha insignito del Premio Balzan 2004 per l'umanità, la pace e la fratellanza fra i popoli "per l'impegno della Comunità di Sant'Egidio nel rilanciare nel mondo la convivenza pacifica tra gruppi di etnia diversa e nel promuovere, indipendentemente dal credo religioso, l'azione umanitaria, di pace e di fratellanza fra i popoli e in particolare per la realizzazione del programma DREAM di lotta all'AIDS e alla malnutrizione che si sta realizzando in Mozambico, modello concreto per altri paesi africani in difficoltà"[1].

Il 21 maggio 2009 è stato insignito del Premio Carlo Magno, attribuito a persone e istituzioni che si sono particolarmente distinte nella promozione di una Europa unita e nella diffusione di una cultura di pace e di dialogo. Il premio è stato assegnato a Riccardi "in riconoscimento del suo impegno per un mondo più pacifico e giusto"[2].

È stato ministro senza portafoglio con delega alla Cooperazione Internazionale e l'Integrazione del governo Monti, rimasto in carica dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013.

Opere

  • Intransigenza e modernità. La Chiesa cattolica verso il terzo millennio, Laterza, 1996
  • Sant'Egidio, Roma e il mondo. Colloquio con Jean-Dominique Durand e Régis Lad, San Paolo Edizioni, 1997
  • Mediterraneo. Cristianesimo e Islam tra coabitazione e conflitto, Guerini e Associati, 1997
  • Le politiche della Chiesa, San Paolo Edizioni, 1997
  • Le parole della croce. Lettura spirituale dei quattro vangeli della passione, Morcelliana, 1999
  • Dialoghi di fine millennio. Arrigo Levi, Andrea Riccardi, Eugenio Scalfari si confrontano con Carlo Maria Martini, Rizzoli, 1999
  • Il secolo del martirio. I cristiani nel Novecento, Mondadori, 2000
  • Dialoghi sulla fede (con Arrigo Levi e Vincenzo Paglia), Il Mulino, 2000
  • Vescovi d'Italia. Storie e profili del Novecento, San Paolo Edizioni, 2000
  • Dio non ha paura. La forza del vangelo in un mondo che cambia, San Paolo Edizioni, 2003
  • Governo carismatico. 25 anni di pontificato, Mondadori, 2003
  • Pio XII e Alcide De Gasperi. Una storia segreta, Laterza, 2003
  • Eurafrica. Quello che non si dice sull'immigrazione. Quello che si potrebbe dire sull'Europa (con Mario Marazziti), Leonardo International, 2004
  • La pace preventiva. Speranze e ragioni in un mondo di conflitti, San Paolo Edizioni, 2004
  • Convivere, Laterza, 2006
  • Il "partito romano". Politica italiana, Chiesa cattolica e Curia romana da Pio XII a Paolo VI, Morcelliana, 2007
  • L'inverno più lungo. 1943-44: Pio XII, gli ebrei e i nazisti a Roma, Laterza, 2008
  • Paolo. L'uomo dell'incontro, Paoline Editoriale Libri, 2008
  • L'uomo e la donna. Sogno di Dio, Paoline Editoriale Libri, 2009
  • Dall'altare al mondo, Paoline Editoriale Libri, 2010
  • Giovanni Paolo II. La biografia, San Paolo Edizioni, 2011

Onorificenze

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— Roma, 3 novembre 2003[3]
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore
— 22 ottobre 2002[4]
Cavaliere di III classe dell'Ordine di San Sergio di Radonez - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III classe dell'Ordine di San Sergio di Radonez
«Insieme al più alto apprezzamento per i suoi meriti scientifici, vorrei sottolineare che lungo tutta la sua vita professionale e le sue attività pubbliche lei ha sempre portato una testimonianza cristiana, mettendo la Buona Notizia del Vangelo al centro della sua vita. La Comunità di Sant'Egidio, che lei ha fondato, si prende cura di coloro che sono marginalizzati, in Italia e in altri paesi del mondo e insegna a molti cristiani cattolici a vedere Cristo in tutte le persone sofferenti. Anche il suo personale contributo al dialogo interconfessionale è di grande rilievo. Apprezzo particolarmente la reciproca comprensione e collaborazione che esistono da molti anni tra la Comunità di Sant'Egidio e la Chiesa ortodossa russa. È gratificante vedere che la nostra fruttuosa collaborazione è basata sulla comune aderenza all'ideale di un servizio disinteressato a Dio e al prossimo. Ritengo ciò un degno modello per l'ulteriore sviluppo del dialogo cattolico-ortodosso. In considerazione di questi suoi meriti, ritengo sia giusto conferirle l'Ordine di San Sergio. Kirill, Patriarca di Mosca e di tutte le Russie»
— 29 gennaio 2010[5]
Dottorato honoris causa dall'Università Cattolica di Lovanio - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa dall'Università Cattolica di Lovanio
— Louvain-la-Neuve, 2 febbraio 2004[6]
Laurea honoris causa in Teologia dall'Università Cattolica di Lublino - nastrino per uniforme ordinaria Laurea honoris causa in Teologia dall'Università Cattolica di Lublino
— Lublino, 25 settembre 2008[7]
Dottorato honoris causa dall'Università di Friburgo - nastrino per uniforme ordinaria Dottorato honoris causa dall'Università di Friburgo
— Friburgo, 15 novembre 2011[8]


Predecessore: Ministro per la Cooperazione Internazionale e l'Integrazione Successore: Quadrato trasparente.png
- 16 novembre 2011 - 28 aprile 2013 Cécile Kyenge I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Cécile Kyenge
Note
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.