Chiesa Cattolica in Libano

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Chiesa cattolica in Libano)
Chiesa cattolica in Libano
StemmaPapaFrancesco 18-03-2013.jpg
Basilica San Paolo Harissa Libano.jpg
{{{didascalia}}}
Anno 2008
Cristiani
Ichthus.svg
Cattolici circa 1,5 milioni
Battezzati
Popolazione circa 4 milioni
Dati su Catholic hierarchy
Categoria:Chiesa cattolica in Libano

La Chiesa cattolica in Libano è una delle più importanti del Vicino Oriente. Il «Paese dei cedri» è l'unico nella regione in cui i cattolici giocano un ruolo attivo nella politica nazionale.

Nel Libano, oltre al Presidente della repubblica (che, per Costituzione, deve essere un cattolico maronita), siedono al Parlamento 44 deputati cattolici su un totale di 128 seggi. I cattolici sono ben rappresentati anche nel governo e nella funzione pubblica.

Fino agli anni settanta i cattolici erano anche la componente maggioritaria della popolazione. Oggi rappresentano il 36% del totale dei libanesi.

Storia recente

Nel paese del cedri coesistono da secoli comunità musulmane e cristiane. La convivenza fu sancita da un patto nel 1943, che creò una democrazia basata sulle comunità confessionali. Il paese divenne un esempio di felice convivenza religiosa ed etnica. Che però durò pochi decenni.

Le comunità più consistenti, quella cristiana e quella islamica, furono sconvolte dalla lunga guerra civile che imperversò tra il 1975 ed il 1990. La geografia religiosa della capitale Beirut venne ridisegnata: i 65.000 musulmani sciiti abbandonarono i loro quartieri, Nabaa e Chout; dalle regioni interne, al contrario, affluirono nella capitale i maroniti ed i drusi, per un totale di 80.000 persone[1]. Beirut ovest venne progressivamente abbandonata dai cristiani. Successivamente la gran parte delle chiese vennero distrutte. Un esodo di massa vide fuggire decine di migliaia di civili, tra cristiani, drusi e sunniti. Anche i luoghi di culto dei villaggi evacuati furono attaccati e distrutti.

Ad aggiungersi agli sconvolgimenti interni, durante questo periodo decine di migliaia di profughi palestinesi entrarono nel paese. Al termine della guerra civile i cristiani, da maggioranza, si scoprirono minoranza.

Oggi i musulmani hanno chiesto di rivedere l'accordo del 1943. Per i cristiani c'è il pericolo di passare dallo status di comunità di pieni diritti, ad uno status di minoranza.

Nel 1995 si è tenuta un'Assemblea speciale dei vescovi per il Libano, convocata da papa Giovanni Paolo II a Roma.

Dal 1954 la Santa Sede ha una propria sede in Libano, il Vicariato apostolico di Beirut.

Dal 14 al 16 settembre 2012 il papa Benedetto XVI ha effettuato un viaggio in Libano. Il viaggio si è concluso con una Santa Messa sulla spiaggia di Beirut, presente il presidente della Repubblica Libanese il cristiano maronita Michel Sleiman, alla Messa hanno partecipato circa 500.000 persone. Durante il viaggio il papa ha ripetutamente invitato i popoli del Medio Oriente alla convivenza pacifica e al reciproco rispetto tra fedeli di religioni diverse, proponendo il Libano come esempio.

Situazione attuale

Oltre alla Chiesa latina, in Libano sono presenti cinque Chiese cattoliche sui iuris. Ciascuna di esse è caratterizzata da un rito liturgico diverso. Tra questi, il principale in Libano è il rito siro-antiocheno. I cattolici di rito antiocheno formano due gruppi distinti: i maroniti ed i siro-cattolici. Entrambe le chiese hanno la loro sede patriarcale in Libano.

Oggi i cristiani sono circa 2 milioni su quasi 4 milioni di popolazione totale: sono in gran parte cattolici, ma si trovano divisi sul piano politico e confessionale.

L'equilibrio politico raggiunto nel 1943, quando i cristiani erano il 55 per cento della popolazione totale, non rispecchia più la reale situazione di fatto. Oggi il Libano vive in una realtà frammentata politicamente e dunque piuttosto instabile influenzata dall'Iran e dalla Siria, nonché dalla presenza al suo interno degli Hezbollah, il musulmano partito di Dio.

Riti cattolici presenti in Libano

Chiesa di Rito Siro-Antiocheno

La Chiesa maronita è sempre stata soggetta al vicario di Cristo.

La Chiesa cattolica sira si è formata nel 1783, quando un gruppo di cristiani siriaci ha deciso di ritornare in comunione con Roma.

Chiesa Sedi Diocesi suffraganee
Chiesa maronita Patriarcato di Antiochia [2]
Arcieparchia di Antélias
Arcieparchia di Beirut
Arcieparchia di Tripoli dei Maroniti
Arcieparchia di Tiro
Eparchia di Baalbek-Deir El-Ahmar
Eparchia di Batrun
Eparchia di Jbeil
Eparchia di Joubbé, Sarba e Jounieh
Eparchia di Sidone
Eparchia di Zahleh
Chiesa cattolica sira Patriarcato di Antiochia Eparchia di Beirut

Altre chiese sui iuris

Le chiese di rito bizantino, caldeo e armeno non sono originarie dell'area siro-libanese ed hanno la loro sede patriarcale fuori dal Libano.

Rito Sedi Diocesi suffraganee
Rito bizantino
Chiesa greco-melchita Arcieparchia di Beirut e Jbeil
Arcieparchia di Tiro dei Melchiti
Arcieparchia di Baniyas
Arcieparchia di Saïda
Arcieparcha di Tripoli
Arcieparchia di Baalbek
Arcieparchia di Zahleh e Furzol[3]
Rito caldeo
Chiesa cattolica caldea Eparchia di Beirut
Rito armeno
Chiesa armeno-cattolica Patriarcato di Cilicia
Arcidiocesi di Beirut
Eparchia di Kamichlié

Demografia

Distribuzione delle diverse comunità cattoliche in Libano

Chiesa Anno 1932 Anno 2008
Chiesa maronita 226 378 fedeli 905 512 fedeli
Chiesa cattolica greco-melchita 46 000 fedeli 184 000 fedeli
Chiesa armeno-cattolica 9 000 fedeli 36 000 fedeli
Chiesa cattolica sira 7 000 fedeli 28 000 fedeli
Chiesa latina 1 000 fedeli 4 000 fedeli
Chiesa cattolica caldea 1 000 fedeli 4 000 fedeli
Totale dei cattolici 297 378 fedeli 1 161 512 fedeli
Note
  1. Andrea Riccardi, Il secolo del martirio, Mondadori, pag. 304.
  2. Sedi immediatamente soggette al patriarca.
  3. Immediatamante soggetta al patriarca.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.