Ultima modifica il 9 feb 2016 alle 14:46

Corporale

Corporale

Il corporale è un tessuto consacrato di forma quadrata che viene steso sull'altare per posarvi le ostie o i vasi con il Sacramento: calice, patena, pisside ed ostensorio.

Il nome nasce dal fatto che accoglie il pane e il vino che divengono il Corpo di Cristo e il Sangue di Cristo.

Storia

Il corporale era anticamente un telo di grandi dimensioni, tali da coprire tutto l'altare; su questo si mettevano le oblate, mentre il lembo superiore veniva ripiegato sopra il calice, secondo un uso perdurato nel rito certosino.

La cerimonia della sistemazione del corporale sull'altare e la sua simbologia, cui già si allude in un brano del Liber Pontificalis ed è descritta negli Ordines Romani (XII secolo).

Nel XIII secolo le dimensioni del corporale vennero ridotte, poiché per coprire il, calice si usò un diverso telo, la palla.

Il corporale veniva portato all'altare piegato ed inserito entro la borsa.

Descrizione e funzione

Corporale steso sull'altare con deposti sopra la patena con il Corpo di Cristo e il calice con il Sangue di Cristo

Il corporale, in lino o molto raramente in canapa, deve essere bianco, inamidato per dare una leggera rigidità, di circa 50 centimetri di lato e privo di decorazioni, soprattutto ricami, tra i quali potrebbero rimanere frammenti di ostia consacrata. L'unica decorazione consentita sono ricami e merletti lungo il bordo è una piccola croce sul davanti.

Normalmente è ripiegato in nove parti, in maniera che ripiegandolo possa custodire i frammenti del Corpo di Cristo che accidentalmente vi finissero. Durante la Messa, prima dell'Offertorio, viene steso (spiegato) al centro dell'altare, e nell'Offertorio il sacerdote vi depone il calice con il vino e la patena e la pisside con il pane.

Dopo la Consacrazione vi si trovano, dunque, riposti i vasi sacri in cui è il Corpo e il Sangue di Cristo. Viene ripiegato dopo la Comunione, prima dei riti di congedo.

Quando si effettua l'Adorazione eucaristica si pone sotto l'Ostensorio, anche qui perché non vadano perduti eventuali frammenti dell'Ostia consacrata che si staccassero. Il corporale per l'adorazione del Sacramento è di dimensioni maggiori e può essere bordato più ampiamente da ricami e dentelli.

Ogni chiesa possiede più corporali conservati in sacrestia, dentro apposite scatole di forma quadrata, un tempo decorate da ricami o rivestite di stoffa.

Predispozione del calice per la celebrazione

Prima della celebrazione eucaristica il calice viene preparato, predisponendo sopra alcuni oggetti liturgici e biancheria sacra, nel seguente ordine:

Bibliografia
  • Benedetta Montevecchi, La biancheria e le coperture sacre, iSuppellettile ecclesiastica. 1, Centro Di Editore, Firenze 1988, p. 211 - ISBN 97888703816412
Voci correlate
Collegamenti esterni
  • ICCD - Thesaurus del corredo ecclesiastico di culto cattolico

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.