Moltiplicazione dei pani e dei pesci

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Moltiplicazione dei pani)

1leftarrow.png Voce principale: Miracoli di Gesù.

Moltiplicazione dei pani e dei pesci
Lambert Lombard 001.jpg
Lambert Lombard (1505 o 1506-1566), Il miracolo dei pani e dei pesci
Conosciuta anche come:
{{{altronome}}}
Passi biblici
Matteo
Miracolo precedente Guarigione di un uomo dalla mano paralizzata
Miracolo successiva Gesù cammina sul mare
Marco
Miracolo precedente Guarigione di una donna affetta da emorragia
Miracolo successiva Gesù cammina sul mare
Luca
Miracolo precedente Guarigione di una donna affetta da emorragia
Miracolo successiva Guarigione di un ragazzo indemoniato
Giovanni
Miracolo precedente Guarigione del paralitico alla piscina di Betzaeta
Miracolo successiva Gesù cammina sul mare
Insegnamento - Messaggio teologico
Aspetto messianico, ecclesiale, eucaristico.

La moltiplicazione dei pani e dei pesci è uno dei miracoli di Gesù, ed è narrato in Matteo 14,13-21, Marco 6,34-44, Luca 9,11-17, Giovanni 6,1-15, dove con cinque pani e due pesci Gesù sfama cinquemila uomini[1], e rimangono dodici ceste di avanzi. Matteo (15,30-38) e Marco (8,1-9) presentano anche una seconda moltiplicazione di sette pani[2], simile alla prima, a beneficio di quattromila uomini, e della quale rimangono sette ceste di avanzi.

È l'unico miracolo operato da Gesù ad essere presente in tutti e quattro i Vangeli. Ciò è indice dell'importanza che aveva assunto nella tradizione, "per il suo significato simbolico, per le sue risonanze messianiche, ecclesiali e sacramentali"[3]. Esso infatti rappresenta il compimento neotestamentario del dono della manna (Es 16,4-35), e accredita quindi Gesù come il profeta annunciato da Mosè (Dt 18,15-19); preannuncia inoltre il dono dell'Eucaristia, che diverrà realtà nell'Ultima Cena.

Antecedenti dell'Antico Testamento

In termini diretti, la Moltiplicazione dei pani ha un suo antecedente con molti tratti affini in 2Re 4,42-44, anche se in scala più ridotta: Eliseo sfama cento uomini con venti pani, ed è probabile che la tradizione letteraria del racconto evangelico si sia formata prendendo quel miracolo come modello[3].

In termini più lati, ma più significativi teologicamente, il vero antecedente è il miracolo della manna (Es 16,4-35): il racconto dell'Esodo e quelli evangelici hanno in comune l'ambientazione nel deserto (cfr. Mt 14,13.15; 15,33; Mc 6,32.35; 8,4; Lc 9,12), il riferimento al pane, a cui è assimilata la manna (Dt 8,3; Sal 78[77],24; cfr. Gv 6,31), i destinatari rappresentati da una grande folla indigente.

Vi sono anche significativi oracoli profetici in cui si attendeva per il tempo messianico un grandioso banchetto di grasse vivande e di cibi succulenti (Is 25,6; 55,1-2).

Significato

Il significato del miracolo va cercato in tre direzioni[3]:

Il significato eucaristico appare anche nella terminologia simile a quella dei racconti dell'Ultima Cena (Mt 26,26-28; Mc 14,22-24; Lc 22,19-20; 1Cor 11,23-25): i verbi "prendere", "benedire", "spezzare", "dare".

Il racconto di Matteo sembra voler accentuare tale significato in vari modi:

  • con il riferimento all'ora, "sul far della sera" (v. 15, cfr. 26,20);
  • anche la particolare forma del verbo "spezzare" (v. 19) è in Matteo più "eucaristica" che negli altri evangelisti, poiché viene usato il vero kláo invece del composto katakláo usato da Marco (Mc 6,41) e da Luca (Lc 9,16), e ciò in riferimento alla frazione del pane eucaristico, indicata con l'espressione klásis toù ártou in At 2,42;
  • inoltre, nel v. 20 Matteo non accenna forse ai resti dei pesci per non appannare il senso eucaristico dell'episodio; infine, l'inciso di Matteo "senza contare le donne e i bambini" (v. 14,21) riflette l'uso delle sinagoghe per il computo dei partecipanti[3].

Nella Liturgia

Nella liturgia di Rito Romano i brani evangelici del miracolo della Moltiplicazione dei pani e dei pesci sono proclamati nei seguenti giorni:

Il Rito Ambrosiano inserisce i brani nei seguenti tempi:

  • dal Vangelo secondo Matteo - la seconda domenica del tempo Dopo Epifania Anno B;
  • dal Vangelo secondo Marco - il giovedì nella settimana della IV domenica del tempo Dopo Epifania;
  • dal Vangelo secondo Luca - la II domenica del tempo Dopo Epifania Anno A e il mercoledì nella settimana della VI domenica del tempo Dopo Pentecoste;
  • dal Vangelo secondo Giovanni - il mercoledì nella settimana della III domenica del Tempo di Pasqua Anno I e II.
Note
  1. Mt 14,21 precisa che il numero non includeva donne e bambini.
  2. Mt 15,34 parla anche di "pochi pesciolini".
  3. 3,0 3,1 3,2 3,3 3,4 Angelico Poppi (1990), p. 123.
  4. Tra il miracolo e il discorso seguente è inframmezzato il miracolo di Gesù che cammina sulle acque del lago di Galilea (Gv 6,16-21) e l'annotazione sullo spostamento alla sinagoga di Cafarnao (Gv 6,22-25).
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.