Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark


Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa
Ha il compito di presiedere alla tutela del patrimonio storico ed artistico di tutta la Chiesa
Eretto: 29 giugno 1988
Soppresso: 30 luglio 2012
Nuovo nome: ,
Nuovo nome: ,
Successori
Pontificio Consiglio per la Cultura

dati
sito ufficiale

Santa Sede · Chiesa cattolica
elenco dicasteri della Curia Romana

La Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa è l'organismo della Curia Romana ordinato alla conservazione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico della Chiesa cattolica.

Nel 1988 la Costituzione apostolica Pastor Bonus crea la Pontificia Commissione per la Conservazione del Patrimonio Storico e Artistico della Chiesa, che raccoglie l'eredità della Pontificia Commissione di Arte Sacra per l'Italia, con lo scopo di prendersi cura "del patrimonio storico e artistico della Chiesa"[1].

Con il Motu proprio Inde a Pontificatus Nostri initio del 25 marzo 1993 la commissione muta il suo nome e prende la denominazione corrente di Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa.

Giovanni Paolo II riprende il tema nel Messaggio del 28 settembre 1997 ai Membri della II Assemblea Plenaria, ribadendo che il compito della Commissione

« consiste nell'animazione culturale e pastorale delle comunità ecclesiali, valorizzando le molteplici forme espressive che la Chiesa ha prodotto e continua a produrre al servizio della nuova evangelizzazione dei popoli. Si tratta di conservare la memoria del passato e di tutelare i monumenti visibili dello spirito con un lavoro capillare e continuo di catalogazione, di manutenzione, di restauro, di custodia e di difesa. (...) Si tratta inoltre di favorire nuove produzioni attraverso un contatto interpersonale più attento e disponibile con gli operatori del settore, così che anche la nostra epoca possa registrare opere che documentino la fede e il genio della presenza della Chiesa nella storia.[2] »

Con il motu proprio Pulchritudinis fidei del 30 luglio 2012 papa Benedetto XVI ha unificato la Pontificia commissione per i beni culturali della Chiesa con il Pontificio Consiglio della Cultura, disposizione entrata in vigore a partire dal 3 novembre 2012.[3]

Cronotassi dei presidenti

Note
  1. Pastor Bonus 99.
  2. Giovanni Paolo II, Messaggio I beni culturali possono aiutare l'anima nella ricerca delle cose divine e costituire pagine interessanti di catechesi e di ascesi, in L'Osservatore Romano, 28 settembre 1997, p. 7.
  3. Da lavignadelsignore.blogspot.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.