Regina Coeli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ambito siciliano, Incoronazione di Maria Vergine (XVIII secolo), olio su tela; Santa Maria di Licodia (CT), Chiesa del Santissimo Crocifisso

Il Regina Coeli ("Regina del Cielo", o "Regina del Paradiso") è un antico inno latino dedicato a Maria, recitato per devozione tre volte al giorno nel Tempo Pasquale. Al mezzogiorno della domenica viene recitata solennemente dal Papa affacciato dalla finestra del suo appartamento in Vaticano.

Fa parte del gruppo di antifone mariane che appaiono al termine della Compieta, la preghiera della Liturgia delle Ore recitata al termine della giornata.

Autore

La sua origine risale al XII secolo, ma il suo autore è sconosciuto.

Una leggenda dice che papa Gregorio Magno, una mattina di Pasqua in Roma, udì degli angeli cantare le prime tre righe del Regina Coeli, alla quale aggiunse la quarta. Un'altra infondata teoria afferma che l'autore sarebbe Papa Gregorio V.

Testo latino

Notazione neumatica del canto del Regina Coeli in forma solenne.
Regina coeli, laetare, alleluia:
Quia quem meruisti portare. alleluia,
Resurrexit, sicut dixit, alleluia,
Ora pro nobis Deum, alleluia.

A volte vengono aggiunte al termine queste due righe:

Gaude et laetare, Virgo Maria, alleluia.
Quia surrexit Dominus vere, alleluia.

Testo italiano

Regina dei cieli, rallegrati, alleluia:
Cristo, che hai portato nel grembo, alleluia,
è risorto, come aveva promesso, alleluia.
Prega il Signore per noi, alleluia.
Gioisci e rallegrati, Vergine Maria, allelua.
Perché il Signore è veramente risorto, alleluia.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.