Ladislao d'Aquino

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ladislao d'Aquino
Scanner EM070.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1615 LADISLAUS DE AQUINO - AQUINO LADISLAO.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 75 anni
Nascita Napoli
1546
Morte Roma
12 febbraio 1621
Sepoltura Basilica di Santa Maria sopra Minerva
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Napoli, 1571
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 20 ottobre 1571
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
19 settembre 1616 da Paolo V (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Ladislao d'Aquino (Napoli, 1546; † Roma, 12 febbraio 1621) è stato un vescovo, nunzio apostolico e cardinale italiano.

Cenni biografici

Nacque a Napoli nel 1546, terzogenito dei nove figli di Francesco, signore di Roccabascerana, del ramo di Capua e della moglie Beatrice di Guevara.

Compì gli studi giuridici con specializzazione in diritto canonico. Fu ordinato sacerdote a Napoli nel 1571 e in quello stesso anno fu chiamato a Roma da Pio V, che gli affidò l'ufficio di chierico di Camera.

Fu referendario delle due Segnature. Il 20 ottobre 1581 fu nominato da Gregorio XIII vescovo di Venafro, carica che tenne sino alla morte. Lavorò assiduamente agli affari ecclesiastici come componente e consulente giuridico di varie congregazioni.

Nel 1608 Paolo V gli affidò la nunziatura di Lucerna. L'Aquino prese possesso della carica il 24 giugno. La circoscrizione affidatagli comprendeva le zone cattoliche della Svizzera, i baliaggi degli svizzeri in Ticino, i Grigioni e Valtellina e i vescovati di Basilea e Costanza, dai quali dipendevano l'Alsazia superiore, la Brisgovia e parte della Svevia.

Durante i cinque anni della sua nunziatura si adoperò alacremente per rafforzare le posizioni cattoliche e intaccare quelle dei riformati. Si giovò largamente dell'opera dei gesuiti, presenti in Vallese dal 1600, che nel 1608 aprirono un collegio a Sierre, e dei cappuccini, affidando loro la cura dei convertiti e coinvolgendoli in molte circostanze difficili.

Nel 1608 sottrasse i conventi della congregazione benedettina svizzera al diritto d'ispezione della curia. Fece inoltre pressioni affinché l'abate di Einsiedeln potesse accedere alla carica vescovile. Nel 1610 si adoperò per il rientro a Coira del vescovo esiliato, Johann Flugi. Non riuscì invece a ottenere il trasferimento a Friburgo, la sede del vescovo di Losanna, di Johann von Wattenwyl.[1]

Le relazioni dell'Aquino con le maggiori personalità politiche dei paese furono generalmente buone. Ma essendo la Svizzera di allora divisa tra un partito finospagnolo e uno filofrancese, le sue origini napoletane e il suo vescovado nel Regno, lo indicavano come naturalmente più vicino agli interessi spagnoli. A causa di ciò, gli inviati francesi, creavano difficoltà di ogni genere al nunzio e ai suoi dipendenti e giungevano persino a proteggere apertamente i protestanti. Nella maggior parte dei casi però i cattolici svizzeri del ceto più elevato e gli esponenti politici erano vicini alla causa della Spagna e non avevano prevenzioni verso il rappresentante del pontefice.

Rientrato a Roma nel 1613, l'Aquino illustrò la sua esperienza di nunzio in una Relazione della Nunziatura de' Svizzeri di quell'anno e in una Informazione mandata dal sig. card. d'A. a mons. Feliciano vescovo di Foligno per il paese de' Svizzeri e Grisoni, che venne compilata dopo la sua elevazione alla porpora nel settembre dell'anno 1616.

Il 20 settembre 1613 fu nominato nunzio presso la corte dei Savoia, per la questione della Valtellina, ma Carlo Emanuele I, non lo ricevette ritenendolo troppo legato alla corona spagnola. Fu quindi scelto per la nunziatura portoghese, ma motivi di salute gli impedirono di assumere l'ufficio. Il 2 febbraio 1614 fu nominato governatore di Perugia.

Fu creato cardinale presbitero nel concistoro del 19 settembre 1616. Il 17 ottobre seguente ricevette la berretta rossa e il titolo di santa Maria sopra Minarva.

Morì a Roma il 12 febbraio 1621 durante i lavori del conclave che vedrà eletto papa il cardinale Alessandro Ludovisi (Gregorio XV). Fu sepolto nella cappella di san Tommaso d'Aquino nella basilica del suo titolo.

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Venafro Successore: BishopCoA PioM.svg
Orazio Caracciolo (Ch) 20 ottobre 1581 - 12 febbraio 1621 Ottavio Orsini (Ch) I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Orazio Caracciolo (Ch) {{{data}}} Ottavio Orsini (Ch)
Predecessore: Nunzio apostolico per la Svizzera Successore: Flag of the Vatican City.svg
Fabrizio Verallo 1608 - 15 settembre 1613 Ludovico Sarego I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Fabrizio Verallo {{{data}}} Ludovico Sarego
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Maria sopra Minerva Successore: CardinalCoA PioM.svg
Filippo Spinelli 17 ottobre 1616 - 12 febbraio 1621 Giulio Roma I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Filippo Spinelli {{{data}}} Giulio Roma
Note
  1. Dizionario storico della Svizzera online
Bibliografia
  • Gaspare De Caro Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 3, (1961) online
  • Urban Fink Dizionario storico della Svizzera Aquino, Ladislao d'

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.