Santa Maria Rosa Giulia Billiart

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Santa Julie Billiart)
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Maria, vedi Santa Maria (disambigua).
Santa Maria Rosa Giulia Billiart, S.N.D. de N.
Religiosa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Marie-Rose-Julie
Santa
{{{note}}}

Julie billiart.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 64 anni
Nascita Cuvilly
12 luglio 1751
Morte Namur
8 aprile 1816
Sepoltura
Appartenenza Suore di Nostra Signora di Namur
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 1804
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 13 maggio 1906, da Pio X
Canonizzazione 22 giugno 1969, da Paolo VI
Ricorrenza 8 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 8 aprile, n. 9:
« A Namur lungo la Mosa nel Brabante, nell'odierno Belgio, santa Giulia Billiart, vergine, che fondò l'Istituto di Santa Maria per la formazione della gioventù femminile e propagò con zelo la devozione verso il Sacratissimo Cuore di Gesù. »

Santa Maria Rosa Giulia Billiart, al secolo Marie-Rose-Julie (Cuvilly, 12 luglio 1751; † Namur, 8 aprile 1816) è stata una religiosa francese, fondatrice della congregazione delle Suore di Nostra Signora di Namur.

Biografia

Nacque a Cuvilly, nella diocesi di Beauvais, Francia, il 12 luglio del 1751, quinta dei sette figli di Giovanni Francesco Billiart, povero contadino e sfortunato commerciante. Giulia crebbe rispettosa e ubbidiente ai genitori. A scuola si mostrò più avida dello studio del catechismo che delle materie profane; catechismo che a casa amava insegnare alle coetanee, raccolte attorno a sé. Sin dalla tenera età fu devota alla Santissima Eucaristia e a nove anni, contrariamente alla consuetudine del tempo, fu ammessa alla Prima Comunione.

Prima di iniziare i lavori della giornata, Giulia faceva un'ora di orazione. Tra un'occupazione e l'altra trovava anche il tempo per leggere il Vangelo, i Salmi, l'Imitazione di Cristo e altri libri spirituali. In qualità di ascritta alla confraternita del Sacro Cuore, non si contentava di educare i fanciulli e di tenerli lontani dal peccato, ma entrava nelle case per consolare e soccorrere i poveri e i malati. La signora di Cuvilly l'aveva fatta distributrice delle sue elemosine.

Nel 1767 la famiglia Billiart fu ridotta in miseria per le calunnie e i furti di cui fu vittima. Per guadagnare il pane per sé e per i suoi, Giulia non si vergognò di andare a fare la mietitrice e di cucire e ricamare paramenti a conto delle Carmelitane di Compiègne. Ai frequenti suoi mali di denti si aggiunse un gravissimo mal di occhi, che minacciò di renderla cieca. Alla santa non venne meno la pazienza, ma per non essere di peso alla famiglia, si recò in pellegrinaggio al Volto Santo di Montreuil-les-Dames a implorare la guarigione.

Era volontà di Dio che Giulia giungesse alla santità attraverso molte tribolazioni. Una sera d'inverno del 1774, suo padre, mentre se ne stava con la figlia nel magazzino, fu vittima di un vile attentato. Giulia ne provò tale spavento che per otto anni camminò con le grucce e per ventidue, a causa di un salasso praticato erroneamente dal medico, rimase paralizzata nelle gambe. Durante la lunga infermità ricevette cinque volte gli ultimi sacramenti tanto erano gravi le sofferenze che le cagionavano contrazioni nervose, inappetenza, insonnia e febbri. Anziché scoraggiarsi, Giulia trasformò il suo lettuccio in palestra di virtù.

Durante la rivoluzione francese fu costretta alla fuga perché accusata di nascondere dei sacerdoti restii alle nuove norme civili; si diresse allora ad Amiens, dove incontrò padre Joseph-Désiré Varin, superiore dei Padri della Fede, il quale la convinse a fondare una comunità dedita all'educazione cristiana delle fanciulle.

Nel 1803 iniziò la vita in comune con alcune compagne, pronunciando i voti nel 1804, e in quell'anno le sue gambe guarirono miracolosamente.

Nominata superiora della congregazione nel 1805, allargò l'opera fondando scuole in molte regioni francesi. Nel 1809 il vescovo di Amiens, dando credito a voci calunniose su di lei, ordinò che lasciasse la Casa, ma tutta la Comunità la seguì, e si istallarono a Namur, in Belgio, sotto la protezione del locale vescovo; nel frattempo cambiarono il nome in Suore di Nostra Signora di Namur.

Pur avendo avuto una istruzione limitata, seppe diffondere le sue fondazioni in Belgio, formando anche schiere di maestre. Fervente devota al Sacro Cuore, ebbe anche il dono di estasi e miracoli.

Morì a Namur l'8 aprile 1816.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.