San Domenico di Guzman

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Domenico di Guzmán)
San Domenico di Guzmán, O.P.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

Fiesole ChS.Domenico B.Angelico PalaS.Domenico-part.S.Domenico 1425ca.JPG

Beato Angelico, Pala di San Domenico (part. San Domenico di Guzman), 1425 ca. tempera su tavola; Fiesole, Chiesa di San Domenico
'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 51 anni
Nascita Calaroga
1170
Morte Bologna
6 agosto 1221
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 1216
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 1196
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione 13 luglio 1234, da Gregorio IX
Ricorrenza 8 agosto
Altre ricorrenze
Santuario principale Basilica di San Domenico (Bologna)
Attributi Stella in fronte, giglio, cane
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di Astronomi, oratori, cucitrici
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 8 agosto, n. 1:
« Memoria di San Domenico, sacerdote, che, canonico di Osma, umile ministro della predicazione nelle regioni sconvolte dall'eresia albigese, visse per sua scelta nella più misera povertà, parlando continuamente con Dio o di Dio. Desideroso di trovare un nuovo modo di propagare la fede, fondò l'Ordine dei Predicatori, al fine di ripristinare nella Chiesa la forma di vita degli Apostoli, e raccomandò ai suoi confratelli di servire il prossimo con la preghiera, lo studio e il ministero della parola. La sua morte avvenne a Bologna il 6 agosto. »

6 agosto, n. 7, ricorrenza secondaria:

« A Bologna, anniversario della morte di san Domenico, sacerdote, la cui memoria si celebra tra due giorni. »

San Domenico di Guzmán, Domingo o Domínico in spagnolo (Calaroga, 1170; † Bologna, 6 agosto 1221), è stato un presbitero e fondatore spagnolo dell'Ordine dei Frati Predicatori. Nacque in Castiglia (Spagna), da Felice e Giovanna d'Aza.

Formazione

Domenico ricevette la prima istruzione da uno zio arciprete che lo iniziò alle verità della fede e ai rudimenti della cultura. A quindici anni fu mandato a Palencia, la più antica università spagnola, per frequentare i corsi regolari (arti liberali e teologia). Qui, acquisita una solida cultura biblica e teologica, entrò nel 1196 tra i canonici regolari del duomo di Osma, fondati una cinquantina d'anni prima e osservanti la regola agostiniana, e fu ordinato sacerdote. In questo periodo grande influsso ebbero su di lui il vescovo di Osma Martin de Basan e soprattutto il priore del capitolo, Diego Acebes, che, morto il vescovo Martin, ne fu successore alla guida della diocesi.

Ideale missionario

Nel 1201 Domenico accompagnò il vescovo Diego in una delicata missione diplomatica in Danimarca. Il contatto con le popolazione della Francia meridionale in balìa dell'eresia albigese e l'entusiasmo delle cristianità nordiche per le grandi imprese missionarie verso l'Est li appassionarono per la causa missionaria. Nel 1206, di ritorno da una seconda missione diplomatica in Danimarca, passano da Roma dove chiedono a papa Innocenzo III l'autorizzazione per andare ad evangelizzare i pagani Cumani. Il papa, constatata la loro energia e ammirando il loro fervore missionario li consigliò invece di collaborare con i missionari cistercensi che nella Linguadoca tentavano di arginare l'avanzata dell'eresia catara. In quello stesso anno Domenico e il vescovo Diego si recarono a Citeaux soggiornandovi qualche settimana, quindi raggiunsero Montpellier dove si unirono ai legati cistercensi. L'attività missionaria dei due, uniti ai legati cistercensi, si espresse soprattutto con la predicazione e il tentativo di riforma degli ecclesiastici. Presto però Diego dovette tornare nella sua diocesi dove morì inaspettatamente agli inizi del 1207.

Fondatore

Tiziano Vecellio, San Domenico Guzman (1565 ca.)

L'opera di Domenico continuò anche dopo l'esaurimento della legazione cistercense; la sua attività di apostolato era imperniata su dibattiti pubblici, colloqui personali, trattative, predicazione, opera di persuasione, preghiera e penitenza. I frutti più evidenti di questa missione iniziò a raccoglierli con l'istituzione di una comunità religiosa femminile formata da nobili donne che si erano convertite. La comunità sarebbe diventata nel 1211 l'abbazia di Sainte-Marie de Prouille.

Nel 1212 il vescovo di Tolosa Folco decise di appoggiare con più decisione Domenico: lo nominò predicatore per la sua diocesi e approvò la richiesta di istituzione di una congregazione diocesana di predicatori "al fine di estirpare la corruzione dell'eresia, di bandire i vizi, di insegnare la regola di fede e di inculcare nella gente retti costumi" (dalla carta di approvazione). Il primo nucleo di predicatori era costituito da otto persone, compreso Domenico, e si stabilì presso la chiesa di San Romano a Tolosa, osservando la regola agostiniana e seguendo le consuetudini dei Premonstratensi. Di fatto si trattava di una comunità canonicale.

Nel 1215, in occasione di un viaggio a Roma per partecipare al Concilio Laterano IV, Domenico e Folco proposero al papa Innocenzo III la costituzione di un nuovo ordine monastico dedicato alla predicazione. La bolla Religiosam vitam di approvazione arrivò con la firma di Onorio III il 22 dicembre 1216. Nacque così l'Ordine dei Predicatori.

La diffusione dell'Ordine

Dal 1217 i "Predicatori" si sparsero per l'Europa, a cominciare da Parigi e Bologna, sedi, allora, di prestigiose Università. Nel 1220 e nel 1221 si tennero a Bologna i primi due Capitoli che definirono i regolamenti e precisarono la struttura amministrativa dell'Ordine. Gli elementi fondamentali della missione dei Predicatori sarebbero stati la predicazione, lo studio, la povertà, la vita comune, la diffusione del cristianesimo presso i non credenti; i conventi vennero divisi in otto provincie: Roma, Lombardia, Provenza, Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, Ungheria.

Morte e sepoltura

San Domenico morì a Bologna il 6 agosto 1221, nel convento da lui istituito e che oggi prende il nome di Convento di San Domenico. Sepolto inizialmente nell'altare della chiesa del convento di San Niccolò delle Vigne "sotto i piedi dei suoi frati (il piccolo edificio, oggi scomparso, si erigeva nel sito dell'attuale Basilica di San Domenico), il 24 maggio 1233 la sua salma fu esumata e trasferita dal beato Giordano di Sassonia in una cassa di cipresso, racchiusa in un semplice sarcofago marmoreo, e traslata dietro l'altare di una cappella laterale della navata sinistra della nuova basilica in corso di costruzione.

Il beato Giovanni da Vercelli, sesto Maestro Generale, commissionò a Nicolò Pisano una splendida arca marmorea e il 5 giugno 1267 vi depose le spoglie del Santo.

Culto

Papa Gregorio IX lo canonizzò il 13 luglio 1234.

La memoria liturgica si celebra l'8 agosto.

Bibliografia
  • Rosa Giorgi, Santi, col. "Dizionari dell'Arte", Mondadori Electa Editore, Milano 2002, p. 104 - 108 ISBN 9788843596744
  • Felicisimo Martinez, Domenico di Guzman. Vangelo vivente, Città Nuova, Roma 2006, ISBN 9788831152129
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.