Consacrazione di una chiesa

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

La Consacrazione di una chiesa è l'atto liturgico con il quale si destina in maniera permanente un edificio all'uso sacro.

Ogni chiesa cattedrale o parrocchiale deve essere consacrata. Ciò può essere fatto solo quando la chiesa possiede un altare fisso.

Il segno di riconoscimento dell'avvenuta consacrazione è costituito dalle dodici crocette in forma greca che vengono affisse, dipinte o incastonate sui muri in varie parti della chiesa. Le croci sono le insegne di Cristo e il simbolo del suo trionfo, sono unte perché il luogo è sottomesso al suo dominio. Il fatto che siano dodici ricorda gli apostoli, testimoni di Cristo e originarie colonne del tempio.

In passato si richiedeva che almeno in alcuni punti la chiesa fosse di pietra: poiché la pietra è resistente al tempo e permane nei secoli, l'uso di tale materiale esprime meglio il senso del trasferimento perpetuo all'uso sacro. E proprio perché tante chiese non erano fatte di pietra non venivano in passato consacrate. Illustri basiliche la cui consacrazione è stata ritardata per questo motivo sono la basilica di Notre-Dame di Parigi, consacrata soltanto nel XIX secolo, e quella di San Petronio di Bologna, che fu consacrata nella seconda metà del XX secolo dal Card. Giacomo Lercaro.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.