Chiesa di San Giacomo Apostolo dei Domenicani (Forlì)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Chiesa di San Giacomo Apostolo dei Domenicani
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
[[Immagine:|300px]]
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione Stemma Emilia Romagna


Regione ecclesiastica Emilia Romagna

Provincia Forlì-Cesena
Comune Stemma Forlì
Località
Diocesi Forlì-Bertinoro
Religione Cattolica
Indirizzo
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa e Convento
Oggetto qualificazione
Dedicazione San Giacomo il maggiore
Vescovo
Fondatore
Data fondazione ante 1250
Architetto


Stile architettonico
Inizio della costruzione prima del 1250
Completamento
Distruzione crollo parziale della chiesa nel 1978
Soppressione 1797, poi, dopo un ritorno dei Domenicani nel 1818, nel 1867
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore >= inatteso. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore >= inatteso.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore >= inatteso. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore >= inatteso. / , bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

Il Convento di San Domenico, con la relativa chiesa di San Giacomo, è uno dei luoghi di culto cattolici oggi scomparsi di Forlì.

Storia

La chiesa, che era connessa al convento dei Domenicani, uno tra quelli di più antica fondazione, si trova sull'attuale Piazza Guido da Montefeltro.

Il complesso ha origine nella prima metà del XIII secolo ed ha avuto una notevole importanza religiosa e culturale. Vi vissero, tra gli altri: il Beato Marcolino Amanni da Forlì, il Beato Giacomo Salomoni da Venezia, il Beato Carino Pietro da Balsamo, prima eretico ed attentatore di San Pietro Martire da Verona, poi pentito e convertito.

Agli inizi del Quattrocento vi eseguì una serie di affreschi il pittore giottesco Guglielmo degli Organi. Il chiostro è invece dei primi anni del XVI secolo.

La chiesa, nel XVIII secolo, venne riedificata ed ingrandita su disegno di Giuseppe Merenda, ma venne danneggiata da scosse telluriche nel 1781.

Con l'occupazione francese e la conseguente soppressione degli Ordini religiosi, la chiesa fu chiusa e parzialmente spogliata (1797). Dal 1808, il convento ospitò un teatro.

Dopo il breve ritorno dei Domenicani (dal 1818), la nuova soppressione degli Ordini religiosi (1867) portò alla definitiva sconsacrazione della chiesa, che, dopo essere stata per breve tempo magazzino comunale, passò all'amministrazione militare. Divenne così Scuola di Maneggio o Cavallerizza, mentre il convento era adibito a caserma (intitolata ad Achille Cantoni) ed a panificio militare.

Successivamente, gli edifici furono abbandonati fino a che, dopo anche un parziale crollo del tetto della chiesa (1978), tornarono nella disponibilità dell'Amministrazione comunale, che eseguì ingenti lavori di restauro fino a far diventare il convento un'importante sede museale e la chiesa un auditorium.

A seguito del restauro, una Crocifissione, copia secentesca dal Tintoretto, a lungo custodita nella Pinacoteca comunale, è stata ricollocata nella sua posizione originaria, nella controfacciata, sulla porta d'entrata[1].

Note
Bibliografia
  • Paolo Bonoli, Storia di Forlì, Bordandini, Forlì, 1826
  • Egidio Calzini, Giuseppe Mazzantini, Guida di Forlì, Bordandini, Forlì, 1893
  • Sigismondo Marchesi, Supplemento Istorico dell'antica Città di Forlì, Selva, Forlì, 1678
  • E. Casadei, Forlì e dintorni, Società Tipografica Forlivese, Forlì 1928
  • Arnaldo Mussolini, Forlì, Tiber, Roma, 1929
  • M. Foschi - G. Viroli (a cura di), Il san Domenico di Forlì: la chiesa, il luogo, la città, Nuova Alfa editoriale, Bologna 1991
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.