Filosofia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Filosofo)
Raffaello Sanzio, Scuola di Atene (1508 - 1511), affresco; Città del Vaticano, Appartamento di Giulio II: nel dipinto sono raffigurati all'interno di un'imponente basilica i filosofi e scienziati dell'antichità.

La filosofia (dal greco φιλοσοφία, composto di φιλεῖν, filèin, "amare", e σοφία, sofìa, "sapienza", ossia "amore per la sapienza") è la disciplina che riflette sul senso del mondo e dell'esistenza umana, e che quindi ricerca la verità delle cose, basandosi sulla ragione.

La teologia cattolica l'ha sempre definita ancilla theologiae, "ancella della teologia", poiché la teologia deve attingere a considerazioni di ordine filosofico per procedere. Al tempo stesso, la conoscenza della rivelazione cristiana orienta e potenzia la filosofia nella sua ricerca della verità. Per questo, si è sempre poi aggiunto che "servire Dio è regnare". Del resto, ragione e Rivelazione non possono contraddirsi, in linea di principio, in quanto vengono entrambe da Dio. Tutttavia, la Rivelazione, in quanto tale, pur non opponendosi alla ragione, ne supera i limiti, altrimenti non avrebbe alcuna funzione.

La filosofia si articola in varie branche:

  • la metafisica: è lo studio dell'ente, ovvero dell'essere, della realtà nei suoi aspetti più universali
  • la cosmologia filosofica: è lo studio del mondo (materiale) nei suoi aspetti più generali
  • la psicologia razionale o antropologia filosofica: è l'analisi delle facoltà dell'uomo: intelligenza, volontà, libertà
  • l'etica: studia il comportamento umano individuale
  • la politica: studia l'agire (umano) collettivo
  • l'estetica (poetica, nel lessico aristotelico): studia il fenomeno della bellezza e dell'arte
  • la logica: è lo studio della logicità del pensiero umano
  • la gnoseologia o teoria della conoscenza: è lo studio delle condizioni del conoscere

Teologia e filosofia

Ogni tematica teologica non può sottrarsi alla riflessione filosofica, per cui inevitabili sono i rapporti teologia-filosofia,[1][2] che storicamente risalgono ai primi pensatori greci i quali, nella riflessione sulla natura e sull'universo, pervennero ad una nuova visione spirituale di Dio (theologia naturalis) e, di riflesso, ad una concezione dell'essere, che saranno alla base di tutta la futura teologia filosofica greca sopra cui, poi, le religionigiudaica prima, cristiana dopo – assumeranno la forma di una teologia filosofica.[3][4] I greci seppero esprimere concettualmente (λόγος) il problema generale della "pensabilità", non più mitica ma razionale, del mondo e dell'io, per arrivare quindi a "pensare" Dio.[5]

I primi pensatori greci si posero dunque il problema di indagare col logos il più alto e difficile di tutti i problemi, l'essere di Dio. Platone e Aristotele furono i primi a usare termini correlativi di θεολογία, termine quest'ultimo per la prima volta introdotto da Platone nella Repubblica in riferimento alla riflessione poetica sulle manifestazioni del divino, dove tracciava iniziali τύποι περὶ θεολογίας ("elementi per una descrizione del divino"); il nuovo termine θεολογία fu appositamente creato per denotare gli inevitabili conflitti fra la tradizione mitico-poetica e lo studio razionale e naturale del problema di Dio. Da allora in poi, ogni altro sistema filosofico greco (ad eccezione dello scetticismo) comprese una propria teologia.[6][7]

Con Aristotele, la teologia assunse il ruolo di «prima filosofia» o «scienza dei massimi principi» (che i suoi successori chiameranno poi metafisica o teologia filosofica), cioè di scienza filosofica fondamentale, il fine ultimo e supremo di ogni sistematica indagine filosofica sull'essere, grazie a cui la teologia potrà poi acquisire, con San Tommaso d'Aquino, lo statuto di «scienza» nel senso aristotelico di «conoscenza dell'essenza universale delle cose e delle loro cause».[8] Il problema del divino fu comunque centrale anche nei presocratici e negli antichi filosofi naturalisti, a tal punto che quasi impossibile è separare la componente teologica dalla fondamentale struttura fisica o ontologica del loro pensiero, per cui essi erano al contempo θεολόγοι e φυσιχοί.[9][10]

Nei periodi ellenistico prima e neoplatonico dopo, la sapienza biblica gradualmente entrò a far parte della cultura ed il concetto di filosofia man mano acquisì un significato specificatamente morale e religioso, fin quando, alle soglie del giudaismo, la religione si autodefinì come "autentica e completa filosofia". Per Filone di Alessandria, la filosofia diviene vera sapienza solo quando assolve alle domande filosofiche con le risposte fornite dalla rivelazione. Il cristianesimo interpreta la propria fede religiosa come la "vera filosofia", come compimento e superamento dei traguardi che la filosofia si pone come tale, ovverosia la rivelazione è la verità piena e definitiva la quale sta, tuttavia, in continuità con le molteplici verità parziali e provvisorie fornite dalla speculazione meramente umana.[11]

Note
  1. Antonio Margaritti, "Teologia e filosofia", in: AA.VV., Dizionario Teologico Interdisciplinare, G. Marietti, Casale Monferrato (AL), 1977-78, Vol. 3, pp. 415-429.
  2. John D. Caputo, Filosofia e teologia, Editrice Queriniana, Brescia, 2016.
  3. Werner Jaeger, La teologia dei primi pensatori greci, La Nuova Italia Editrice, Firenze, 1961, pp. ix-x.
  4. Rudolf Bultmann, Il cristianesimo primitivo nel quadro delle religioni antiche, traduzione di Luciano Zagari, Garzanti, Milano, 1964, Introduzione, Parti III, IV.
  5. Antonio Livi (2009), Cap. 3.
  6. Werner Jaeger (1961), Cap. I.
  7. Rudolf Bultmann (1964), Parti III, IV.
  8. Antonio Margaritti (1977-78), Vol. 3, § I.1.
  9. Werner Jaeger (1961), Capp. I, X.
  10. Rudolf Bultmann (1964), Parti III, IV.
  11. Antonio Livi (2009), Cap. 3.
Bibliografia
  • Sofia Vanni Rovighi, Istituzioni di filosofia, Editrice La Scuola, Brescia, 2015 (VI edizione con nuova veste editoriale; I edizione, 1982).
  • AA.VV, Dizionario Teologico Interdisciplinare, 3 voll., G. Marietti Editore, Casale Monferrato (AL), 1977-78.
  • Werner Jaeger, La teologia dei primi pensatori greci, traduzione di Ervino Pocar, La Nuova Italia Editrice, Firenze, 1961.
  • Rudolf Bultmann, Il cristianesimo primitivo nel quadro delle religioni antiche, traduzione di Luciano Zagari, Garzanti, Milano, 1964.
  • John D. Caputo, Filosofia e teologia, edizione italiana a cura di Andrea Aguti, Editrice Queriniana, Brescia, 2016.
  • Adriano Fabris, Teologia e filosofia, Editrice Morcelliana, Brescia, 2004.
  • Karl Barth, Filosofia e teologia, a cura di Andrea Aguti, Editrice Morcelliana, Brescia, 2010.
  • Antonio Livi, Filosofia e Teologia, ESD-Edizioni Studio Domenicano, Bologna, 2009.
  • Giovanni Ferretti, Filosofia e teologia cristiana. Saggi di epistemologia ermeneutica, I volume: Questioni, II volume: Figure, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli-Roma, 2002.
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.