Congregazione Benedettina Silvestrina

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Silvestrini
in latino Congregatio Silvestrina Ordinis Sancti Benedicti
Zmonas20.jpg

Istituto di vita consacrata
Ordine monastico maschile di diritto pontificio

Monastico con elementi eremitici.
Altri nomi
Ordine di Montefano, Ordine dei Silvestrini
Fondatore San Silvestro Guzzolini
Data fondazione 1177
Luogo fondazione Eremo di S. Silvestro in Montefano (Fabriano, Marche)
sigla O.S.B. Silv.
Titolo superiore
Regola Regola di San Benedetto da Norcia (s.VI)
Approvato da Innocenzo IV
Data di approvazione 1247
Motto Ora et labora
Scopo Applicazione della regola benedettina con rigore, vita comunitaria con l'austerità del eremita, gestione delle parrocchie e missionariato apostolico.
Collegamenti esterni

Sito ufficiale

La Congregazione Benedettina Silvestrina (o Ordine di Montefano) è uno dei rami dell'Ordine di San Benedetto: i monaci di quest'ordine sono detti Silvestrini e pospongono al loro nome la sigla O.S.B. Silv.

Il fondatore

San Silvestro Guzzolini nacque ad Osimo (Ancona) verso il 1177 da una famiglia benestante, i Guzzolini. Inizialmente si dedicò agli studi giuridici; ma poi, affascinato dalla teologia, fu ammesso tra i Canonici regolari del Duomo di Osimo. Intorno al 1227 Silvestro, a causa di incomprensioni con il vescovo, al quale imputava una vita non conforme all'ideale ecclesiastico e vinto dal desiderio di una vita evangelica più radicale, decise di dedicarsi alla contemplazione. Ormai cinquantenne, si ritirò nella Gola della Rossa, nel pre-appennino marchigiano, e condusse una vita di aspra penitenza e di assidua preghiera. Attorno a lui si radunò un discreto numero di discepoli.

Nel 1228 ricevette la visita di due frati domenicani, messi di papa Gregorio IX, che lo invitano ad entrare in uno degli ordini già approvati. Silvestro scelse la Regola di San Benedetto. Egli optò, però, per un monachesimo benedettino con un carattere accentuato di solitudine, di austerità e di semplicità.

Nel 1231, Silvestro lasciò l'Eremo di Grottafucile e si recò sul Montefano, nei pressi di Fabriano, per edificarvi un monastero. Nel frattempo, l'approvazione pontificia, ottenuta nel 1248, facilitò la diffusione della congregazione, anche grazie all'intensa opera di predicazione che i monaci affiancavano alla vita eremitica e di preghiera.

Diffusione

A differenza degli altri rami dell'ordine benedettino, i Silvestrini hanno assunto anche l'impegno di gestire parrocchie e anche l'attività missionaria, sempre mantenendo prevalente la dimensione monastica.

La Congregazione benedettina silvestrina è oggi presente in Italia, Sri Lanka, India, Australia, Stati Uniti, Filippine e ultimamente anche in Africa, in Congo Kinchasa.

Bibliografia
  • Nicol'Angelo Tinassi Regola del patriarca S. Benedetto, e Costitutioni della Congregatione Silvestrina, stamp. Cam., Roma 1690.
  • Regola di s. Benedetto abate e costituzioni della Congregazione silvestrina, Prem. Tip. Economica Soc. An., Fabriano 1931.
  • U. Paoli, L'unione delle Congregazioni Vallombrosana e Silvestrina. 1662-1667, Editiones Montisfani, Fabriano 1975.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.