Miracolo eucaristico di Valvasone e Gruaro

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Il Duomo del Santissimo Corpo di Cristo (Valvasone)

Il miracolo eucaristico di Valvasone avvenne in realtà nel 1294 nella cittadina di Gruaro (oggi in Veneto), a pochi chilometri dal comune di Valvasone (PN): su di una tovaglia, proveniente dalla chiesa di San Giusto, apparvero macchie di sangue, prodotte da un'ostia consacrata rimasta tra le pieghe del tessuto[1].

La storia

Nel piccolo centro di Gruaro, nel 1294, mentre una donna stava lavando una tovaglia proveniente dall'altare della vicina chiesa di San Giusto, notò sul tessuto delle macchie di sangue, provenienti da un'ostia consacrata rimasta tra le pieghe del lino. Meravigliata, si recò subito dal parroco, che organizzò una processione per portare tovaglia e particola in chiesa.

Successivamente il parroco avvertì il vescovo della vicina Concordia, monsignor Giacomo d'Ottonello da Cividale, che appurò la veridicità dei fatti, autenticando il miracolo.[2] In seguito, non trovandosi un accordo sulla destinazione delle reliquie, che sia Gruaro che Concordia volevano conservare, intervennero i potenti conti di Valvasone, che ottennero nel 1330 dalla Santa Sede la custodia degli oggetti sacri, a patto che venisse costruita per lo scopo una nuova grande chiesa, dedicata al Santissimo Corpo di Cristo.

La nuova chiesa venne consacrata nel 1484 e conserva i resti sacri in un pregevole reliquiario d'argento, realizzato a Venezia dall'orefice Antonio Callagari. Nell'ultima ricognizione, effettuata nel 1894, la tovaglia conservava le macchie prodottesi originariamente, mentre la particola si era ridotta in polvere farinosa.

Nella domenica successiva alla festività del Corpus Domini, l'evento è ricordato e festeggiato a Valvasone. Del miracolo si conserva a Gruaro soltanto il lavatoio dove si verificò l'episodio. Per secoli Gruaro e Valvasone furono in attrito per la rivalità creatasi, superata soltanto nel 1967, quando i gruaresi decisero di partecipare alla Festa della Sacra Tovaglia celebrata nel paese vicino, e i due comuni si unirono in gemellaggio.

Note
  1. Raffaele Iaria, I miracoli eucaristici in Italia, Edizioni Paoline, 2005, pp. 58-61
  2. Raffaele Iaria, Opera citata, p. 58
Bibliografia
  • Franco Colussi (curatore), Il miracolo eucaristico di Gruaro-Valvasone, Edito dalle parrocchie di Gruaro e Valvasone
  • Renzo Allegri, Il sangue di Dio. Storia dei miracoli eucaristici, Ancora Editrice, 2005
  • Raffaele Iaria, I miracoli eucaristici in Italia, Edizioni Paoline, 2005
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.