Papiro 87

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Manoscritto del Nuovo Testamento
Papiro 87

recto
SimboloP87
TestoLettera a Filemone 13-15, 24-25
Datazione200 circa
Scritturalingua greca
ConservazioneInstitut für Altertumskunde, Università di Colonia
Editio princepsC. Römer, «Kölner Papyri 4», Papyrologica Colonensia 7 (Colonia: 1984), pp. 28-31
Dimensioneframmento
Tipo testualealessandrino
CategoriaI

Il Papiro 87 (P87) è un antico manoscritto del Nuovo Testamento: si tratta del più antico testimone conservatosi della Lettera a Filemone, di cui conserva i versetti 13-15 e 24-25. È stato datato paleograficamente all'inizio del III o al tardo II secolo.

Il testo greco di questo codice è un rappresentante del tipo testuale alessandrino (o proto-alessandrino); Kurt Aland lo descrive come un "testo normale" e lo pone nella categoria I[1]. È attualmente conservato all'Università di Colonia (P. Col. theol. 12)[1].

Note
  1. 1,0 1,1 Kurt Aland, Barbara Aland, The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, William B. Eerdmans Publishing Company, Grand Rapids, Michigan, 1995, p. 101.
Bibliografia
  • Cornelia Römer, Kölner Papyri 4, in Papyrologica Colonensia 7, Cologne 1984, pp. 28-31
  • Klaus Wachtel, Klaus Witte, Das Neue Testament auf Papyrus II, Die Paulinischen Briefe, Teil II, Berlino 1994, S. LXIII-IV, p. 87
  • Philip W. Comfort, David P. Barrett, The Text of the Earliest New Testament Greek Manuscripts, Grand Rapids, Michigan 2001, p. 617-618
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.