Paleografia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Facsimile di Montfaucon, che riproduce il Codex Colbertinus 700, con il testo di Matteo 18,10

La paleografia, dal greco παλαἰός, palaiós=antico, e γραφή, graphé=scrittura, è una disciplina storica che studia le testimonianze dei testi manoscritti, di qualsiasi tipo ed epoca, e i contesti socioculturali del loro uso. Ricostruisce la storia delle forme grafiche del passato, le decodifica, le data e le localizza mediante l'analisi delle tecniche esecutive e il confronto fra diversi esempi, con riguardo anche alle forme di abbreviazione e all'impaginazione dei testi antichi. Stabilisce con sufficiente sicurezza l'autenticità dei documenti esaminati.

Questa disciplina scientifica nacque con l'opera del monaco benedettino della Congregazione di San Mauro padre Jean Mabillon, che con il suo trattato di paleografia latina medioevale De re diplomatica pubblicato nel 1681, pose le basi di questa scienza. Il termine "paleografia" (dal greco "antica scrittura") fu utilizzato per la prima volta nel lavoro del suo confratello padre Bernard de Montfaucon che, nel 1708, pubblicò il Paleographia Graeca.

Da quell'opera si iniziò a distinguere le varie branche della scienza con le categorie suddivise per lingua: paleografia greca, latina, ebraica, slava, ecc., ma anche riferito a manoscritti di musica con la paleografia musicale.

È celebre a livello mondiale la Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica, istituita nel 1884 da Papa Leone XIII.

Bibliografia
Collegamenti esterni
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.