Lista dei papiri del Nuovo Testamento

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

La lista dei papiri del Nuovo Testamento contiene oltre centoventi papiri contenti brani del Nuovo Testamento; si tratta delle più antiche e migliori testimonianze sul testo del Nuovo Testamento.[1]

Catalogazione

Questa distinzione tra i manoscritti del Nuovo Testamento sorse solo nel XX secolo. Questo raggruppamento fu introdotto da Caspar René Gregory, il quale assegnò ai testi papiracei il carattere gotico P seguito da un numero in apice. Prima del 1900, solo nove manoscritti papiriacei erano noti, e solo uno era stato citato in un apparato critico (P11 da Konstantin von Tischendorf). Questi nove papiri erano solo frammenti singoli, ad eccezione di P15, che consiste di un'intera pagina.[2] Le scoperte del XX secolo hanno offerto i frammenti manoscritti del Nuovo Testamento più antichi.[3] Frederic Kenyon nel 1912 conosceva 14 papiri,[4] Aland, nella sua prima edizione del Kurzgefasste... nel 1963, elencò 76 papiri, mentre nel 1989 erano noti 96 papiri, e 124 nel 2008.

Furono fatte anche scoperte di manoscritti quasi completi, che permisero agli studiosi di esaminare il carattere testuale di questi antichi manoscritti.[5]

Non tutti questi manoscritti contengono solo testi del Nuovo Testamento: P59, P60, P63, P80 contengono il testo con i commenti, P2, P3, e P44 sono lezionarii, P50, P55, P78 sono talismani, P10, P12, P42, P43, P62 e P99 contengono altri testi miscellanei, come glossarii o canzoni.[6]

Tutti i papiri sono citati nel Novum Testamentum Graece di Nestle-Aland.

Papiri

La denominazione dei 127 papiri catalogati è composta da una 'P' gotica seguita da un numero posto all'apice, più eventuali lettere dell'alfabeto latino per indicarne i frammenti.

Nella tabella, la colonna "Datazione" la datazione stimata di redazione del manoscritto; il "tipo testuale" rappresenta la tipologia di varianti presenti; nella colonna "Testi biblici contenuti" sono indicati i brani del Nuovo Testamento presenti in ogni papiro; il "Codice di riferimento" riportato è quello di classificazione del manoscritto presso l'ente, la collezione o il museo dove è conservato, ovvero la classificazione usuale, alternativa a quella unitaria. Nella colonna "Dove si trova" è indicata la sede del manoscritto.

class="wikitable sortable" style="border-spacing: 1px;"

Ordinamento secondo il canone del Nuovo Testamento

class="wikitable" FRAME=VOID style="border-spacing: 1px;" COLS=3 RULES=NONE BORDER=0
Note
  1. Nestle-Aland 1996
  2. Aland 1996, pp. 83-84, 87
  3. P52, P90, P98, e P104, datati tutti al II secolo.
  4. Kenyon, F. G., Handbook to the Textual Criticism of the New Testament, London2, 1912, p. 129.
  5. P66, P72 e P75 dei Papiri Bodmer sono notevoli da questo punto di vista; ad esempio, il livello di conservazione di P66 sorprese gli studiosi, in quanto i primi 26 fogli erano praticamente intatti, tanto che si erano conservate anche le cuciture della rilegatura.
  6. Aland 1996, p. 85.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.