Congregazione Sublacense Cassinese dell'Ordine di San Benedetto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Congregazione cassinese)
Congregazione Sublacense Cassinese dell'Ordine di San Benedetto
in latino '''''
[[File:|200px]]

Istituto di vita consacrata
Ordine monastico maschile di diritto pontificio

Vita monastica
Altri nomi
Fondatore San Benedetto da Norcia
Data fondazione 8 gennaio 2012
sigla O.S.B. Subl.
Abate presidente Guillermo Arboleda Tamayo
Regola regola di San Benedetto da Norcia (s. VI)
Abito tunica, scapolare e cappuccio nero
Santo patrono San Benedetto da Norcia
Prima fondazione 1872
Collegamenti esterni


Scheda su gcatholic.com

La Congregazione Sublacense Cassinese dell'Ordine di San Benedetto, che fa parte della Confederazione Benedettina chiamata anche Ordine di San Benedetto (O.S.B.), si è formata con la riunificazione delle due congregazioni benedettine italiane, la cassinese e la sublacense. Le due famiglie monastiche prendono il nome l'una dall'arcicenobio di Montecassino, l'altra dal protocenobio di Subiaco, entrambi fondati da san Benedetto nel VI secolo. Le due congregazioni si erano separate nel 1867 ad opera dell'abate Pier Francesco Casaretto.

Gli accordi per la riunificazione sono iniziati nel 2010 con il capitolo generale della Congregazione cassinese e si sono conclusi, con l'approvazione all'unanimità da parte del capitolo generale sublacense, il 14 settembre 2011.

Congregazione Cassinese

Ebbe origine con la riforma voluta dall'abate Ludovico Barbo nell'abbazia di Santa Giustina in Padova. La Congregazione, chiamata in origine de Unitate, fu approvata dal papa Martino V il 10 gennaio 1419 con la bolla Ineffabilis summi providentia Patris.[1] Nel Capitolo Generale del 1434 prese il nome di Congregatio monachorum de observantia sante Justinae, o Congregatio Unitatis. Papa Eugenio IV confermò l'uso dei due nomi mentre nel 1504, in occasione dell'annessione di Montecassino, fu assunto il nome di Congregazione Cassinese.

L'abate Bardo volle il raggruppamento in congregazione con la finalità di recuperare la primitiva osservanza nel ripristino integrale della Regola di san Benedetto e sottrarre i monasteri alla commenda. La riforma, pur nel rispetto dell'autonomia del singolo monastero, voleva garantire l'indipendenza verso l'esterno mediante costituzioni comuni con organi legislativi, i capitoli, e organi esecutivi, i visitatori.

Congregazione sublacense

L'abate Per Francesco Casaretto, monaco cassinese di santa Maria del Monte a Cesena, il 23 gennaio 1843 per incarico dei superiori aprì un monastero a Pegli (Genova), ponendovi come base dell'osservanza il ritorno alla perfetta vita comune. Nel 1850 Pio IX gli affidò il monastero di Santa Scolastica a Subiaco. Con esso il 28 maggio 1851 formò la Provincia Sublacense come parte della Congregazione Cassinese. Essa, dopo l'aggregazione o la fondazione di monasteri, anche fuori d'Italia, fu eretta in Congregazione Cassinese nella Primitiva Osservanza ad experimentum per dieci anni nel 1867. Anticipando i tempi, dopo appena cinque anni, l'abate Casaretto ottenne dalla Santa Sede l'approvazione definitiva del nuovo istituto. Due anni dopo la morte del fondatore, nel 1880 ebbe il suo volto giuridico definitivo. Dal 1959 ha preso il titolo di Congregazione Sublacense. Con l'aggiornamento voluto dal Concilio Vaticano II ha introdotto nella sua legislazione due principi, il pluralismo nell'osservanza a livello di monasteri e di province e la sussidiarietà negli organi di governo, richiesti oltre tutto dalla sua nativa internazionalità.[2]

Cronotassi dei presidenti

  • Fondatore abate Pietro Francesco Casaretto, O.S.B. Subl. (1867.08.05 – 1876.04.01)
  • Abate Raffaele Testa, O.S.B. Subl. (1876 – 1880)
  • Abate Nicola Canevello, O.S.B. Subl. (1880 – 1888)
  • Vescovo Jordan Ballsieper, O.S.B. Subl. (1888 – 1890.02.01)
  • Abate Romarico Flugi dAspermont, O.S.B. Subl. (1890 – 1896)
  • Abate Domenico Serafini, O.S.B. Subl. (later Cardinal) (1896.06.05 – 1900.04.16)
  • Abate Mauro Serafini, O.S.B. Subl. (1900 – 1920)
  • Abate Benoît Gariador, O.S.B. Subl. (1920 – 1928)
  • Abate Maur Etcheverry, O.S.B. Subl. (1928 – 1937)
  • Abate Emanuele Caronti, O.S.B. Subl. (1937 – 1959)
  • Abate Pietro Celestino Gusi, O.S.B. Subl. (1959 – 1966)
  • Abate Gabriel Brasó i Tulla, O.S.B. Subl. (1966 – 1978)
  • Abate Mauro Elizondo, O.S.B. Subl. (1978 – 1980)
  • Abate Denis Huerre, O.S.B. Subl. (1980 – 1988)
  • Abate Gilbert Jones, O.S.B. Subl. (1988 – 1996)
  • Abate Thierry Portevin, O.S.B. Subl. (1996 – 2004)
  • Abate Bruno Marin, O.S.B. (2004.09.14 – 2016.09.22)
  • Abate Guillermo Arboleda Tamayo[3], O.S.B. dal 2016.09.22
Note
  1. Manus online.
  2. Congregazione sublacense. Storia online
  3. Monastery of Christ in the Desert[www.yasni.it/bruno+marin/ricerca+persone/abate online]

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.