Catholica Ecclesia

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Catholica ecclesia)
Catholica Ecclesia
Lettera apostolica di Paolo VI
in forma di Motu proprio
CCXLIII di CCLXX di questo papa
Paul 6 coa.svg
[[File:{{{immagine}}}|250px|center]]
Data 23 ottobre 1976
(XIV di pontificato)
Approvazione {{{approvazione}}}
Traduzione del titolo
Argomenti trattati tratta il riordinamento delle abbazie non dipendenti da alcuna diocesi
Lettera apostolica precedente Firma in traditione
Lettera apostolica successiva Apostolatus peragendi

(IT) Testo integrale sul sito della Santa Sede.

Tutti i documenti di Paolo VI
Tutte le Lettere apostoliche

Tutti i motu proprio

Catholica Ecclesia è il titolo della Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio promulgata da Papa Paolo VI il 23 ottobre 1976. Alla luce del Concilio Vaticano II stabilisce i criteri per il riordinamento delle abbazie non dipendenti da alcuna diocesi.

Il fine del papa è che con le presenti disposizioni "la venerabile istituzione della vita monastica" sia fedelmente conservata, e che essa sia sempre più conforme al suo spirito autentico.

La Chiesa considera che:

« l'ufficio principale dei monaci [sia] quello di prestare umile e insieme nobile servizio alla divina Maestà entro le mura del monastero, sia dedicandosi interamente al culto divino con una vita di nascondimento, sia assumendo legittimamente qualche opera di apostolato e di carità cristiana (Perfectae Caritatis, n. 9) »

Vengono quindi stabilite le norme seguenti:

  • in futuro non saranno più erette Abbazie non dipendenti da alcuna Diocesi (cfr CIC, can. 319 § 1), salvo che circostanze particolarissime, che si risolvono per il bene delle anime, non consiglino diversamente;
  • le Abbazie non dipendenti da alcuna Diocesi già esistenti, escluse quelle regolate da un diritto particolare (cfr. can. 319 § 2), siano più idoneamente definite quanto al territorio o siano trasformate in altre circoscrizioni ecclesiastiche, secondo le norme stabilite dal Concilio Vaticano II;
  • le Abbazie non dipendenti da alcuna Diocesi il cui territorio sia stato totalmente convertito in altra circoscrizione ecclesiastica saranno regolate dal diritto comune o da un diritto particolare, secondo quanto avrà stabilito la Sede Apostolica per ciascun caso;
  • non deve essere conferita agli Abati la consacrazione episcopale, a meno che non lo richieda l'autorità spirituale e lo stato particolare dell'Abbazia che si estende su una porzione del Popolo di Dio.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.