Congregazione dei poveri eremiti di san Girolamo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Congregazione dei poveri eremiti di san Girolamo
in latino '''''
[[File:|200px]]

Istituto di vita consacrata
Congregazione religiosa maschile di diritto pontificio soppresso

Altri nomi
Fondatore Beato Pietro Gambacorta
Beato Nicola da Forca Palena
Data fondazione inizi del XV secolo
Luogo fondazione Monte Cesana (Urbino)
Titolo superiore
Regola sant'Agostino
Approvato da Papa Eugenio IV
Scopo vita contemplativa
Soppresso da Pio XI
Data della scomparsa 12 gennaio 1933
Causa della scomparsa obsolescenza
Collegamenti esterni


La Congregazione dei poveri eremiti di san Girolamo, oggi non più esistente, è stata fondata dal Beato Pietro Gambacorta da Pisa e dal Beato Nicola da Forca Palena agli inizi del XV secolo. È conosciuta anche col nome di Gerolimini.

La fondazione

Pietro Gambacorta e Nicola da Forca Palena fondarono, all'inizio del XV secolo, la Congregazione dei poveri eremiti di san Girolamo sul Monte Cesana, nei pressi di Urbino.

Infatti, Pietro arrivò sul monte Cesana nel 1380 in qualità di eremita.

Dopo l'incontro, a Roma, tra Pietro e Nicola da Forca Palena, che aveva fondato un romitorio sul monte Gianicolo allora ancora chiamato Monte Ventoso, i due decisero di unirsi in un'unica Congregazione dedicata a San Girolamo, come ci informa una bolla di papa Eugenio IV del 1446.

Fra i primi aderenti si ricordano anche dei briganti convertiti.

L'espansione

Questo ordine religioso conobbe una notevole espansione, principalmente nell'area tra Urbino e Forlì, ma anche altrove. Forlì è un buon esempio della crescente prosperità dei Gerolimini. Essi, infatti, risiedettero dapprima in una chiesetta nella odierna parrocchia dei Romiti. Dieci anni dopo la distruzione di tale chiesa (1556) da parte di Bino Orbetelli, comandante dell'esercito di Paolo IV, la Congregazione si trasferì nella chiesa dei Battuti Rossi, oggi nota come Chiesa delle Suore del Buon Pastore. I Gerolimini la ampliarono ed eressero l'attuale grandioso convento, detto anche "dei Romiti".

Nel 1780, i conventi gerolimini superavano il numero di novanta, in Italia e all'estero.

Gerolimini illustri

Lo scioglimento

L'Ordine dei Gerolimini venne soppresso da Pio XI il 12 gennaio 1933 perché ormai obsoleto.

Voci correlate
Bibiografia
  • Filippo Bonanni S.J., Catalogo degli ordini religiosi della Chiesa militante, Vol. I, 1738, CXXII religione. testo online (cliccare due volte per leggere la pagina intera)
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.