Crocifissione di Gesù Cristo (Lucas Cranach)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
GER Monaco AltePinakotheck L.CranachVecchio CrocifissioneCristo 1503.jpg
Lucas Cranach, Crocifissione di Gesù Cristo (1503), olio su tavola
Lamentazione ai piedi della croce
Opera d'arte
Stato

bandiera Germania

Regione Baviera
Regione ecclesiastica [[|]]
Provincia Alta Baviera
Comune

Monaco di Baviera

Località
Diocesi Monaco e Frisinga
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Alte Pinakothek, seconda sala
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Crocifissione di Gesù Cristo
Datazione 1503
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale scuola danubiana
Autore

Lucas Cranach il Vecchio
detto il Vecchio

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 138 cm; l. 99,3 cm
Iscrizioni 1503
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera datata
Collegamenti esterni

La Crocifissione di Gesù Cristo, detta anche Lamentazione ai piedi della croce, è un dipinto, eseguito nel 1503, ad olio su tavola, dal pittore tedesco Lucas Cranach il Vecchio (14721553), conservato nell'Alte Pinakothek di Monaco di Baviera (Germania).

Descrizione

Soggetto

Nella scena della Crocifissione, ambientata sullo sfondo di un paesaggio naturale sul quale incombono le nubi, compaiono:

  • Gesù Cristo crocifisso, non è frontale, ma spostato sulla destra e presenta un corpo con un incarnato chiaro e con un ampio perizoma che si avvolge, si gonfia e si annoda accompagnando ed addolcendo l'angolo delle gambe piegate sulla croce. La figura di Cristo si staglia maestosa e nitida contro un fondo grigio di cielo che si sta per facendo minaccioso.
  • Due ladroni crocifissi sono posti decentrati occupando uno spazio esiguo sulla sinistra.
  • Maria Vergine, vestita con un abito scuro, si rivolge stordita ed incredula verso il Figlio, mentre le braccia tese e le mani intrecciate e rovesciate tradiscono l'ansia e accentuano il suo dolore.
  • San Giovanni evangelista guarda penetrante verso la Madonna, incrociando le mani per sostenerla.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • Il soggetto del dipinto è trattato secondo un'iconografia innovativa che fa assumere particolare rilievo al gruppo centrale con la Madonna addolorata e san Giovanni evangelista: per questo motivo l'opera viene anche detta Lamentazione ai piedi della croce. Il fulcro dell'immagine è la sofferenza di Maria, che è il modello per i fedeli, che a sua volta chiede di porre al centro il sacrifico e le sofferenze di Cristo.
  • Il punto di fuga posto, in basso a sinistra, all'esterno del dipinto, determina una visione monumentale delle figure inaugurata da Andrea Mantegna e conosciuta dal pittore attraverso l'opera di Pacher.
  • Il particolare scorcio nella rappresentazione delle tre croci crea uno spazio prospettico interno al dipinto che accoglie le figure di Maria Vergine e san Giovanni apostolo: questo è l'elemento di contatto tra Cranach e la cosiddetta scuola danubiana che darà alla pittura del paesaggio una dignità fino ad allo sconosciuta.

Iscrizione

Nel dipinto figura un'iscrizione collocata su un cartiglio, posto nel bordo inferiore, dove si legge la datazione dell'opera:

« 1503 »

Notizie storico-critiche

Il dipinto, di provenienza ignota, fu acquistato nel 1804, dopo la soppressione di un convento, forse nella Germania nord-occidentale.

Bibliografia
  • Giorgio Cricco et. al., Itinerario nell'arte, vol. 2, Editore Zanichelli, Bologna 1999, pp. A69 ISBN 9788808079503
  • Max J. Friedlander, Jakob Rosenberg, Lucas Cranach, Editore Flammarion, 1978
  • Amedeo Giampaglia, Il Rinascimento in Europa: Dürer, Bruegel, El Greco: la riscoperta di Dio nell’uomo, col. "La Bellezza di Dio. L'Arte ispirata dal Cristianesimo", Editore San Paolo, Palazzolo sull'Oglio (BS) 2003, pp. 17 – 18
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.