Mar Morto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Mar Morto
Dead Sea by David Shankbone.jpg
Nazioni bandiera Israele
bandiera Giordania
bandiera Stato di Palestina
Coordinate geografiche
31°19′60″N 35°30′00″E / 31.3333, 35.5000
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione New: Israele
Mar Morto
Tipologia bacino endoreico
Dimensioni
Superficie 650 km²
Altitudine meno 413 m s.l.m.
Lunghezza 67 km
Larghezza 18 km
Profondità massima 378 m
Volume 135 km³
Sviluppo costiero 135 km
Immissari principali Giordano
Mappa del lago

Il Mar Morto (in ebraico ים המלח, letteralmente mare del sale e in arabo البحر الميت) è - propriamente - un lago situato tra Israele (e il territorio della Cisgiordania parte dei Territori palestinesi) e la Giordania. Chiamato anticamente "Asfaltide", il mar Morto si trova nella depressione più profonda della Terra, a 413 metri sotto il livello del mare. Lungo 76  km e largo 16 ha una superficie di 650  km²; la sua profondità massima è di 390 metri.

L'acqua è troppo salata e questo non consente alcuna forma di vita fatta eccezione per i batteri: da qui il nome mar Morto.

Il Mar Morto agitato con dei depositi salini sulle coste.
Tramonto sul lago con vista della costa del sud della Cisgiordania o West Bank

È un mare chiuso che ha come immissari le acque del fiume Giordano, del fiume Arnon e di altri corsi d'acqua di minore importanza, senza avere però alcun emissario.

La sua salinità aumenta con la profondità. La superficie è la parte meno salata, diluita dalle acque del Giordano che trovano difficoltà a scendere negli strati più bassi: scendendo a 40 m di profondità, la salinità diventa di 300 g per ogni chilogrammo di acqua[1], circa 10 volte quella degli oceani. Verso i 100 m di profondità la salinità aumenta a 332 g per ogni chilogrammo di acqua, saturandosi: il sale precipita e si accumula sul fondo del mare.

Le acque del Mar Morto vengono usate per la produzione di cloruro di potassio sia da società israeliane che giordane: vengono anche estratti bromo e magnesio, di cui il mare è ricco. L'estrazione viene fatta partendo dalle saline, visibili dallo spazio nella estremità sud del mar Morto.

L'acqua del Mar Morto è talmente salata da permettere a chiunque di galleggiare senza alcuno sforzo, mentre rende molto difficile la pratica del nuoto, in quanto si emerge troppo dall'acqua.

Le sue acque erano conosciute fin dai tempi dei Romani e sono sfruttate ancora oggi, per le loro qualità curative, soprattutto per le malattie della pelle: il basso livello di raggi UV e l'alto tasso di ossigeno sono ottimi per la salute, l'alta concentrazione di minerali, tra cui il calcio e il magnesio, che sono utili rimedi contro le allergie e le infezioni delle vie respiratorie, il bromo che facilita il rilassamento, lo iodio che ha effetti benefici sulle disfunzioni ghiandolari e il fango per la cura della pelle.

Secondo il dottor Alon Tal[2], il Mar Morto sta morendo, in quanto, essendo il punto più basso della superficie terrestre e anche tra i più caldi, la conseguente notevole evaporazione non è sufficientemente compensata dall'afflusso delle acque del Giordano e degli altri più aridi corsi d'acqua, a partire dalla metà del secolo scorso quando i contadini israeliani e giordani deviarono le acque dei fiumi, soprattutto del Giordano, per uso agricolo; la portata del Giordano si è ridotta del 10% rispetto alla sua portata naturale. Inoltre le industrie giordane e israeliane del carbonato di potassio che si trovano nella regione meridionale del mar Morto esasperano la discesa del livello del lago, che si è già abbassato di 27 metri.
Sono state studiate diverse soluzioni per rialzare il livello del lago e, nonostante l'opposizione degli ambientalisti, al momento, la Banca Mondiale ha stanziato 15 milioni di dollari americani per lo studio di fattibilità di un collegamento col mar Rosso, battezzato "Condotto della Pace", che incanalerebbe l'acqua ad Aqaba e la porterebbe alle sponde meridionali del mar Morto, con produzione di energia elettrica, e con un impianto di desalinizzazione che fornirebbe l'acqua ad Amman, con un costo previsto di circa 5 miliardi di dollari americani. L'opposizione ambientalista è dovuta ad una previsione di possibile innaturale reazione chimica delle acque e anche al fatto che la zona è altamente sismica.

Note
  1. (EN)Dead Sea
  2. Il dottor Alon Tal è docente presso il dipartimento di studi di ecologia del deserto presso l'università Ben Gurion di Be'er Sheva.
Bibliografia
  • Lonelyplanetitalia, Giordania, ottobre 2009, ETD Srl, p. 169-179
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.