Monastero della Trinità di San Sergio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Trinità, vedi Trinità (disambigua).
Monastero della Trinità di San Sergio
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Russia-Sergiev Posad-Troitse-Sergiyeva Lavra Panorama.jpg
Veduta del complesso monastico
Altre denominazioni
Stato Russia
Distretto federale Oblast' di Mosca
Soggetto federale {{{Provincia}}}
Comune Sergiev Posad
Località {{{Località}}}
Diocesi Arcidiocesi della Madre di Dio a Mosca
Religione Ortodossa
Indirizzo {{{Indirizzo}}}
Telefono {{{Telefono}}}
Fax {{{Fax}}}
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà {{{Proprietà}}}
Oggetto tipo Monastero
Oggetto qualificazione {{{Oggetto qualificazione}}}
Dedicazione Trinità
San Sergio di Radonež
Vescovo {{{Vescovo}}}
Fondatore {{{Fondatore}}}
Data fondazione {{{Data fondazione}}}
Architetto


Stile architettonico {{{StileArchitett}}}
Inizio della costruzione 1345
Completamento 1354
Distruzione {{{Distruzione}}}
Soppressione {{{Soppressione}}}
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione {{{AnnoConsacr}}}
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo
Strutture preesistenti {{{Strutture preesistenti}}}
Pianta {{{Pianta}}}
Tecnica costruttiva {{{Tecnica costruttiva}}}
Materiali {{{Materiali}}}
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima {{{AltezzaMassima}}}
Larghezza Massima {{{LarghezzaMassima}}}
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima {{{ProfonditàMassima}}}
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata {{{AltezzaNavata}}}
Larghezza Navata {{{LarghezzaNavata}}}
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni {{{Iscrizioni}}}
Marcatura {{{Marcatura}}}
Utilizzazione {{{Utilizzazione}}}
Note {{{Note}}}
Coordinate geografiche
56°18′37″N 38°07′46″E / 56.310278, 38.129444 bandiera Russia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
Insieme architettonico di Troice-Sergieva Lavra a Sergiev Posad
Architectural Ensemble of the Trinity Sergius Lavra in Sergiev Posad
Trinity within.jpg
Tipologia Culturali
Criterio (ii) (iv)
Pericolo Bene non in pericolo
Anno 1993
Scheda UNESCO inglese
francese
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

Il monastero della Trinità di San Sergio (in russo: Троице-Сергиева Лавра, Troize-Sergieva Lavra[1]) è il più importante monastero e centro spirituale della Chiesa ortodossa russa. È situato nella città di Sergiev Posad, circa 70 km a nord-est di Mosca, sulla strada che collega la capitale russa con Jaroslavl'. Il monastero fa parte dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO[2].

Storia

Fondato attorno al 1345 da San Sergio di Radonež, il monastero è uno dei più importanti centri religiosi e mete di pellegrinaggio della Russia. Nel 1608, durante la cosiddetta epoca dei disordini, i monaci resistettero all'assedio dell'esercito polacco e intorno al 1680 il giovane Pietro il Grande vi trovò rifugio durante la rivolta degli Strelitzi. Il monastero fu chiuso dopo la rivoluzione bolscevica nel 1919, ma riaprì nel 1946, quando divenne la sede centrale della Chiesa ortodossa russa. Nel 1988 la sede fu trasferita. Il monastero è oggi aperto al pubblico.

XIV secolo

Il monastero fu fondato nel 1345 da uno dei più venerati santi russi, San Sergio di Radonež, che, insieme al fratello Stefano Radonež, costruì una chiesa di legno in onore della Santa Trinità all'interno dei boschi presso la collina Makovets, a pochi chilometri dalla città di Radonež. Il santo iniziò da allora una vita eremitica di ascesi vivendo in solitudine per più di un anno. Attirati da questo esempio altri monaci si unirono successivamente a lui finché nel 1354 venne eletto egumeno del monastero. A quei tempi il cenobio era costituito da un insieme di celle in legno disposte in prossimità della chiesa.

Nel 1355 Sergio introdusse una regola monastica inviatagli, secondo la Vita del santo, dall'allora patriarca di Costantinopoli Filoteo, che disponeva la costruzione di edifici ausiliari, come refettori, cucine e forni per il pane. Questa regola fu un modello per i discepoli di Sergio che pochi anni dopo, partendo dal Lavra, iniziarono la predicazione in ogni angolo della Russia centrale e settentrionale, fondando oltre 400 monasteri, tra i quali i più famosi sono quelli di Solovetskij, Kirilov, e Simonov.

San Sergio supportò Dimitri Donskoj nella sua guerra contro i tartari inviando lui due monaci, Peresvet e Osljabja, per partecipare alla battaglia di Kulikovo (1380). Poco prima dell'inizio dei combattimenti Peresvet morì in un duello contro un campione tartaro. Anche a causa dell'appoggio al sovrano russo, il monastero fu devastato e dato alle fiamme durante un raid di un'unità di cavalleria tartara nel 1408.

XV secolo

San Sergio fu dichiarato santo patrono di Mosca nel 1422. Il medesimo anno, per volere del nuovo egumeno Nikon, iniziarono i lavori per la costruzione di una nuova cattedrale in pietra costruita da un gruppo di monaci serbi che avevano trovato rifugio nel monastero dopo la battaglia di Kosovo Polje. Le reliquie di San Sergio furono ivi deposte al termine della costruzione di questa, anch'essa dedicata alla Santa Trinità. I più grandi decoratori di icone viventi in Russia, Andrej Rublëv e Daniil Čërnyj, furono chiamati a decorarla con affreschi.

Nel 1476, Ivan III assunse molti muratori di Pskov per costruire la chiesa dello Spirito Santo, la struttura della quale è una dei pochi esempi rimasti di chiesa russa con annessa torre campanaria. L'interno contiene i primi esempi di decorazione con piastrelle verniciate. All'inizio del XVI secolo fu ampliata da Vasili III.

XVI secolo

Nel 1559 Ivan il Terribile commissionò la cattedrale dell'Assunzione che fu portata a termine ventisei anni dopo. La cattedrale, simile alla sua omonima posta nel Cremlino, che sembra essere stata presa come modello, ma molto più grande di quest'ultima, contiene innumerevoli icone, dipinte da diverse mani tra il XVI e il XVIII secolo raffiguranti l'ultima cena. L'interno fu decorato da un gruppo di pittori della vicina Yaroslavl nel 1684 con affreschi dalle forti tinte blu e violetto. La cripta contiene le tombe dello zar Boris Godunov, di alcuni membri della sua famiglia e di alcuni patriarchi ortodossi del XX secolo.

All'evoluzione del monastero in questo secolo corrispose una rapida crescita degli insediamenti posti intorno ad esso che, gradatamente, aumentarono fino a dar luogo alla moderna città di Sergiev Posad. Lo stesso monastero si evolse in un rinomato centro frequentato da i maggiori storici e pittori di icone della Russia. Appena fuori dalle mura del chiostro furono inoltre costruiti il convento di Santa Paraskeva con annesse l'omonima chiesa e la chiesa dell'Introduzione (entrambe del 1547).

XVII secolo

Verso la fine del XVI secolo il monastero venne fortificato: la palizzata di legno che circondava il chiostro venne sostituita con una di pietra lunga un chilometro e mezzo e furono costruite dodici torri di difesa, sempre in pietra. Tali fortificazioni furono indispensabili per il Lavra nel sostenere i sedici mesi di assedio polacco (1608-1610). Nel 1618 un altro assedio, portato da Ladislao IV di Polonia, fu nuovamente sostenuto dal monastero il quale, pur non capitolando a fronte dei ripetuti attacchi, fu comunque danneggiato come dimostra l'ammaccatura al portale della cattedrale, mai riparato per preservare il ricordo degli scontri. Un altro avvenimento storico di questo secolo degno di nota fu il rifugiarsi all'interno delle mura del monastero del futuro zar Pietro I, che per ben due volte riuscì a sfuggire i propri nemici.

Durante il XVII secolo furono aggiunte al monastero numerose strutture, quali un piccolo e lussuoso palazzo in stile barocco che ospitava i patriarchi, un palazzo reale con la facciata dipinta a scacchi, un refettorio intitolato a san Sergio, anch'esso dipinto con motivi a scacchiera, che, con i suoi 510 metri quadrati, era considerato la stanza più grande di tutta la Russia, nuove celle per i monaci, un ospedale per la comunità e una cappella costruita al di sopra di un pozzo santo scoperto nel 1644. La cattedrale a cinque cupole dedicata alla natività di San Giovanni Battista fu inoltre commissionata dalla famiglia Stroganovy e costruita appena oltre i cancelli del Lavra tra il 1693 e il 1699.

XVIII e XIX secolo

Nel 1744 l'imperatrice Elisabetta conferì al monastero il titolo di Lavra, attribuendo la carica di archimandrita al Metropolita di Mosca. Elisabetta favorì in più modi il monastero e manifestò la propria venerazione, compiendo ogni anno un pellegrinaggio a piedi fino al Lavra. Il suo sposo segreto, il conte Aleksej Razumovskij, oltre ad accompagnarla in questi viaggi commissionò la chiesa della Beata Vergine di Smolensk, l'ultimo ad essere costruito all'interno delle mura claustrali. Un altro segno di affetto di Elisabetta per il monastero fu la costruzione, ordinata dalla sovrana, di una torre campanaria barocca che, con i suoi 88 metri, fu la più alta struttura costruita in Russia fino a quel tempo. I suoi architetti furono Ivan Mičurin e Dmitrij Uchtomskij. Per tutto il XIX secolo il Lavra mantenne il suo status di monastero tra i più importanti di Russia. Nel 1814 una accademia ecclesiastica sostituì il seminario costruito nel 1742. Il Lavra conteneva inoltre una delle più importanti collezioni di manoscritti medioevali presenti al mondo, in grado di attirare migliaia di visitatori[3]. Durante questo secolo, nel territorio monasteriale furono sepolti i filosofi conservatori Konstantin Nikolaevič Leont'ev e Vasilij Vasil'evič Rozanov.

XX secolo

Dopo la rivoluzione russa del 1917, il governo sovietico chiuse il monastero nel 1920, affidando le costruzioni a differenti istituti cittadini o trasformandole in museo. Nel 1930 le campane del monastero, inclusa la campana degli zar, dal peso di oltre 65 tonnellate furono fuse, i manoscritti dispersi in differenti collezioni.

Dopo che, nel corso della seconda guerra mondiale, il governo aveva attenuato il contrasto all'attività della Chiesa ortodossa russa, la Lavra tornò proprietà di quest'ultima nel 1945. Il 16 aprile 1946 fu celebrato il primo servizio divino dopo la chiusura sovietica, nella chiesa dell'Assunzione. Il monastero fu inoltre la sede del patriarca di Mosca fino al 1983, quando quest'ultimo fu autorizzato a trasferirsi al monastero Danilov di Mosca. Importanti lavori di restauro furono posti in essere tra gli anni sessanta e i settanta del XX secolo. Nel 1993 il monastero è stato dichiarato dall'Unesco patrimonio dell'umanità.

Il monastero

All'interno del monastero vi sono molte costruzioni. Le più visitate sono la Cattedrale dell'Assunzione, la Cattedrale della Trinità e il Refettorio. Ci sono molte altre chiese, un palazzo che ospita gli appartamenti degli zar e il refettorio, dedicato al santo fondatore. È particolare il campanile, dagli esterni molto decorati, intonacati in azzurro e in bianco.

Cattedrale dell'Assunzione

Questa cattedrale con cupola centrale dorata e circondata da altre quattro cupole blu con stelle brillanti, è situata nel cuore del monastero. Ivan il Terribile la commissionò nel 1559 per celebrare la vittoria sui Mongoli a Kazan'. Fu completata ventisei anni più tardi su un progetto ispirato alla Cattedrale della Dormizione situata nel Cremlino. I pittori dell'acclamata scuola di artisti di Jaroslavl', guidati da Dmitrij Grogorev impiegarono cento giorni a decorare il sontuoso interno nel 1684. I loro nomi sono incisi in un affresco del Giudizio universale sulla parete a ovest.

Cattedrale della Trinità

Tinta di bianco è decorata con frontoni kokošiniki[4] su un triplice fregio, è il più antico edificio in pietra del monastero. Fu eretta sulla tomba del fondatore nel 1422, anno della sua canonizzazione. Le spoglie del santo sono racchiuse in una teca all'interno della cattedrale e sono ancora meta di pellegrinaggio. Il decoro originale all'interno appartiene ai maestri Andrej Rublëv e Daniil Čërnyj. Molti dei loro affreschi sono coperti da altri dipinti. Rimane l'iconostasi, ma l'icona La Trinità (1420) di Rublëv è una copia. L'originale è alla Galleria Tret'jakov[5], a Mosca. Sempre nell'iconostasi ci sono due icone di Simon Ušakov: La Santa Effigie (1674) e Cristo su Trono (1684).

Refettorio di San Sergio

I lavori di costruzione del refettorio dei monaci iniziò nel 1686, e fu terminato nel 1692, grazie alla donazione fatta dallo zar Pietro il Grande e dal fratellastro Ivan V, in segno di gratitudine per il rifugio dato loro durante la rivolta degli Streltzi. Le mura esterne sono divise in una serie di pannelli, recanti in cima delle conchiglie smerlate e intagliate. I pannelli sono separati da colonne decorate con foglie di vite e ciascuno di essi è dipinto in modo da simulare una sfaccettatura tridimensionale simile a quella del Palazzo dei diamanti del Cremlino. La facciata principale del refettorio ha un terrazzo coperto da ricchi decori. Alla sua estremità a est è la chiesa di San Sergio di Radonež, la cui iconostasi arrivò dalla chiesa di San Nicola di Mosca. Il delicato lavoro a traforo dell'iconostasi sembra metallo, ma in realtà è legno.

Campanile

Si innalza sul lato nord della piazzetta delle cattedrali. La sua costruzione durò dal 1741 al 1768 è alto 88 metri. L'originale aspetto architettonico, grazie al quale il campanile viene annoverato tra i più belli di tutta la Russia, è opera dell'architetto Uchtomskij. I suoi cinque piani di particolare forma e di grande eleganza, la ricercatezza delle finiture e degli ornamenti ne fanno uno dei maggiori monumenti dell'architettura russa del XVIII secolo. Sul campanile, una silloge unica di campane che fu seriamente danneggiata nel 1930. In quell'anno ne furono distrutte ben venticinque, tra di esse anche la più grande di tutta la nazione, il cui peso raggiungeva le 64 tonnellate. Il peso della nuova campana, la campana zar (in russo Car Kolokol', Цар Колоколь), che fu fusa nel 2003 raggiunge le 72 tonnellate[6].

Altre chiese

Ci sono cinque chiesette all'interno delle mura del monastero. La più antica è quella dello Spirito Santo, costruita nel 1476 da un artigiano di Pskov, città a nord-est di Mosca. L'infermeria e la successiva chiesa dal tetto a piramide dei santi Zosima e Savvatij fu costruita tra il 1635 e il 1638. La Cappella sul Pozzo fu eretta nel XVII secolo su una sorgente sacra. La vicina rotonda aperta fu aggiunta nel XIX secolo. I pellegrini vengono ancora oggi al monastero per riempire d'acqua santa le loro bottiglie. Di fronte alla chiesa di San Sergio c'è la piccola chiesa di San Michele. Questa, con una singola cupola, prende il nome da un discepolo del fondatore, che è sepolto al suo interno. La chiesa in stile barocco della Vergine di Smolensk, di piccole dimensioni, rotonda dipinta a colori blu e bianchi, è del 1745: è l'ultima delle chiese del monastero ad essere stata costruita e ospita l'icona della Vergine da cui prende il nome.

Chiesa di San Nikon

La Chiesa di San Nikon si trova dietro la Chiesa della Trinità. Fu eretta nel 1548 sulla tomba di san Nikon, un discepolo di san Sergio. Il suo aspetto odierno deriva dalla completa ricostruzione avvenuta nel 1623. Al suo interno l'iconostasi dorata e il ciborio sopra la tomba di san Nikon. Nell’angolo nord-occidentale dell'edificio, in un reliquiario di legno intagliato, i resti di San Nikon. La festa del santo ricorre il 30 novembre.

Chiesa dello Spirito Santo

Situata ad est della cattedrale della santa Trinità, la chiesa dello Spirito Santo delimita la parte sud-orientale della piazzetta delle cattedrali. Essa fu costruita nel 1476 dagli architetti di Pskov, una città a nord di Mosca, e si presenta come un grande esempio di architettura moscovita del XV secolo per la particolarità del suo campanile sovrastato da una cupola blu con strisce dorate. Appesa sul campanile una campana i cui rintocchi, al tempo dell’assedio del monastero da parte delle truppe polacche e lituane(1608-1610), avvisavano i monaci del pericolo. La chiesa dello Spirito Santo è abbellita, al suo interno, da una iconostasi in legno di rosa e da icone dipinte nella metà del XIX secolo. Nella parete nord sono sepolti i resti di san Massimo il Greco (1556); in quella meridionale, invece, sono custodite le spoglie di sant’Antonio di Radonež (1877).

Chiesa dei Santi Zosima e Saba

La chiesa si trova nell’angolo nord-occidentale del monastero. Costruita tra il 1635 e il 1637, divenne sede dell’ospedale del complesso. Le sue proporzioni architettoniche e la facciata abbellita dall'uso di mattonelle verdi, ne fanno uno dei più interessanti monumenti della prima metà del XVII secolo. Costruita grazie agli sforzi di Alessandro Bulatnikov, nominato cellario della Trinità dai monaci del monastero di Solovetskij, essa, probabilmente, ha avuto come modello la cattedrale dell'Intercessione (ora non più esistente), che fu la chiesa più importante del monastero di Solovetskij.

Chiesa di San Giovanni Battista

La chiesa è situata nella parte orientale del monastero, sopra la grande apertura ad arco dove, fino allo spostamento (avvenuto a metà del XVI secolo) del muro di cinta verso est, era situata la porta santa, principale ingresso al monastero. La chiesa fu costruita tra il 1692 e il 1699 grazie al finanziamento del mercante e uomo d'affari Stroganov (1656-1715). La chiesa è ritenuta uno degli edifici più significativi in stile barocco moscovita. Il tetto della chiesa è sovrastato da cinque cupole dorate. Gli affreschi sono stati rifatti nel 1948 e imitano quelli originali del 1872. Un'iconostasi del XIX secolo ne impreziosisce l’interno. Nell’atrio è custodita una stufa del XVII secolo. In questa chiesa si effettuano le confessioni dei pellegrini.

Chiesa di San Michea

Fu costruita nel 1734 sulla tomba del santo che fu discepolo e cellario di san Sergio. La chiesa è situata presso l’uscita nord-occidentale del refettorio. È un edificio di modeste dimensioni, la cui parte superiore termina con un complesso tetto il cui stile è detto all’olandese e una cupola in miniatura sovrastata da una croce. Al suo interno si trova una piccola iconostasi del XVIII secolo. Le pareti sono abbellite da pitture ad olio del XIX secolo. Le spoglie di san Michea sono la principale reliquia della chiesa. Il santo è festeggiato il 19 maggio.

Palazzi e musei

Tra i tesori della lavra ci sono doni degli zar custoditi nell'ex sacrestia e tesoreria. I visitatori possono ammirare preziose copertine dorate con icone, croci e vangeli, oltre alla bara del fondatore del monastero. Realizzati nel tardo XVII secolo per lo zar Alessio I di Russia, di cui gli appartamenti ospitano un collegio teologico[7]. Alcune parti all'esterno sono decorate in modo da sembrare sfaccettate. Nell'angolo sud-ovest del monastero c'è il Palazzo dei metropoliti del XVIII secolo, che fu il primo a ripristinare la funzione religiosa quando i sovietici permisero ai metropoliti e ai patriarchi di ritornare nel 1946.

Torri

Il Monastero della Trinità di San Sergio fu edificato durante il regno di Ivan il Terribile. Le mura sono alte dodici metri e risalgono, nel loro stato attuale, al tardo XVII secolo. L'entrata principale è costituita dalla Torre Bella nella cui arcata sono affreschi raffiguranti scene della vita di San Sergio. Dietro questa torre c'è la Chiesa di San Giovanni Battista. All'estremità nord delle mura vi è la Torre dell'Anatra, così chiamata perché si dice che da qui Pietro il Grande sparasse alle anatre. La guglia, con l'anatra intagliata, e gli ordini superiori sono degli anni 1672-1686. Il leggero campanile a cinque ordini, blu e bianco, è stato costruito tra il 1741 e il 1769.

Note
  1. (RU) Sito ufficiale URL consultato il 23-01-2008
  2. (EN) Patrimoni dell'umanità - Monastero della Trinità di San Sergio URL consultato il 23-01-2008
  3. (IT) Christopher Rice e Melanie Rice, City Book Mosca. Mondadori, 2002 (pagina 156). ISBN 88-370-3974-3
  4. Frontoni semicircolari tradizionali dell'architettura russa. Altri elementi tradizionali dell'architettura russa sono le cupole a cipolla o gli zakomary, simili al kokošiniki.
  5. (RU) Sito ufficiale della Galleria Tret'jakov URL consultato il 23-01-2008
  6. (IT) Il campanile del Monastero della Trinità di San Sergio URL consultato il 23-01-2008
  7. (RU) Il museo del monastero URL consultato il 23-01-2008
Bibliografia
  • (IT) Christopher Rice e Melanie Rice, City Book Mosca. Mondadori, 2002. ISBN 88-370-3974-3
  • (IT) Philippe de Lignerolles, Storia della spiritualità cristiana: 700 autori spirituali. Gribaudi, 2005. ISBN 88-7152-821-2
  • (IT) Ignatij Brjancaninov, Sulle tracce della filocalia. Pagine sulla preghiera esicasta. Paoline, 2006. ISBN 88-315-3114-X
  • (IT) Autore sconosciuto, Iconografia dell'anima. Voci dal grande eremo russo. I grandi monaci. Paoline, 2007. ISBN 88-315-3220-0
  • (IT) Autore sconosciuto, Il patrimonio dell'umanità. Touring Editore, 2004. ISBN 88-365-2948-8
  • (IT) Autore sconosciuto, Mosca, San Pietroburgo. Touring Editore, 2002. ISBN 88-365-2493-1
  • (IT) Vito Attolini, Immagini del Medioevo nel cinema. Dedalo, 1993. ISBN 88-220-5028-2
  • (IT) Manuela Kahn-Rossi e Marco Franciolli, La costruzione di San Pietroburgo. Octavo, 1994. ISBN 88-8030-042-3
  • (EN) Maureen Perrie, The Cambridge History of Russia. Cambridge University Press, 2006. ISBN 0-521-81227-5
  • (EN) Tom Masters, Eastern Europe. Lonely Planet, 2007. ISBN 1-74104-476-6
  • (RU) Aleksandr Sergeevič Ananičev, Troice-Sergieva Lavra. Ûrij Čerepanov, 2006. ISBN 5-353-01943-1
  • (DE) Aurelio de Santos Otero, Die handschriftliche Überlieferung der altslavischen Apokryphen. Gruyter, 1978. ISBN 3-11-008139-3
  • (IT) Elena Treu, Attualità della parola: la lingua tra scienza e mito. Guerini & Associati, 1989. ISBN 88-7802-084-2
  • (RU) Ekaterina Vasil'evna Ščegoleva, В православном храме. Olma Media Group, 2003. ISBN 5-224-04325-5
  • (RU) Autore sconosciuto, Православные святыни. Olma Media Group, 1999. ISBN 5-94849-742-9
  • (RU) Svetlana Ismailova, Практический справочник по православию. Olma Media Group, 2005. ISBN 5-901227-80-8
  • (RU) Vladimir Butromeev, Большая Школьная Энциклопедия «Руссика». История России. Olma Media Group, 2001. ISBN 5-224-01258-9
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.