Nuestra Señora de las Lajas

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
L'immagine di Nuestra Señora de las Lajas

Nuestra Señora de las Lajas è il titolo con il quale è venerata Maria dal XVIII secolo nel Santuario di Las Lajas, nella diocesi di Ipiales, in Colombia.

Immagine

L'immagine di Nuestra Señora de las Lajas è dipinta su una lastra di pietra (appunto laja) che misura 3,20 metri per 2,03 metri ed è collocata sulla parte rocciosa del canalone scavato dal fiume Guaítara nel corregimiento di Las Lajas, a pochi kilometri da Ipiales.

Dal punto di vista iconografico l'immagine è analoga ad alcune rappresentazioni della Madonna del Rosario: Maria è raffigurata in piedi su una luna crescente, con il Bambino Gesù poggiato sul braccio sinistro; mentre Maria con il braccio destro porge il rosario a San Domenico di Guzman, il Bambino Gesù lo porge a San Francesco d'Assisi.

Lo stile pittorico è quello della cosiddetta "Scuola di Quito" del XVI e XVII secolo.

L'autore dell'immagine è sconosciuto. Le lettere P e B dipinte sul manto della Vergine hanno fatto pensare in passato a Pedro de Bon (1555-1621), provinciale dei domenicani tra il 1618 e il 1621, che era pittore e che visse proprio in quelle terre[1]. L'attribuzione sembra inverosimile, però, a causa del fatto che il ritrovamento della lastra, che era esposta alle intemperie eppure non presentava segni di degrado, sarebbe avvenuta più di un secolo dopo l'esecuzione del dipinto.

Storia della devozione

Il Santuario di Las Lajas nel quale è conservata l'immagine

La tradizione attribuisce all'immagine l'evento miracoloso della guarigione della piccola sordomuta Rosa, figlia di María Mueses de Quiñónez una cacique di Potosí. La donna con la sua bambina si erano rifugiate tra le cavità formate da lastroni di pietra (chiamati lajas) per difendersi da una bufera; la bambina iniziò a parlare richiamando l'attenzione della mamma e dicendole Mamita, la mestiza me llama... riferendosi alla Vergine dipinta sulla pietra che aveva per caso scorta[2].

Il prodigioso evento fu documentato dalle autorità ecclesiastiche che lo approvarono il 15 settembre 1754.

La devozione nata intorno all'immagine portò alla costruzione di un santuario, riedificato tre volte per adattarlo alle esigenze dei numerosi pellegrini che accorrevano sul posto del prodigio. L'ultima costruzione, iniziata nel 1916 e terminata nel 1949 è stata dichiarata Basilica minore nel 1950.

Del 1952 è l'incoronazione canonica dell'immagine da parte di Pio XII.

Note
  1. Catálogo Monumentos Nacionales de Colombia. Siglo XX, Bogotá 1995, 69.
  2. Questa versione del prodigio è stata documentata da Justino Mejia y Mejia, storico e cappellano del Santuario dal 1944 al 1977: cfr. Justino Mejía y Mejía, Tradiciones y documentos. Apuntes relativos a la historia de Nuestra Señora de las Lajas, Editorial Pax, cuarta edición, Bogotá, 1950.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.