Vicariato apostolico di Bengasi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Vicariato apostolico di Bengasi
Apostolicus Vicariatus Berenicensis
Chiesa latina

[[File:{{{immagine}}}|290px]]
vicario apostolico Sylvester Carmel Magro, O.F.M.
Sede Bengasi

sede vacante
Bengasi

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea
Regione ecclesiastica {{{regione}}}
Nazione bandiera Libia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vicari emeriti:

Parrocchie 6
Sacerdoti

6 di cui 0 secolari e 6 regolari
1.000 battezzati per sacerdote

6 religiosi 34 religiose
1.230.000 abitanti in 609.000 km²
6.000 battezzati (0,5% del totale)
Eretta 3 febbraio 1927
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
P.O. Box 248, Benghazi, Libya
tel. (061)90.81.599

Dati dall'annuario pontificio 2011
Chiesa cattolica in Libia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica
L'ex cattedrale di Bengasi

Il vicariato apostolico di Bengasi (in latino: Vicariatus Apostolicus Berenicensis) è una sede della Chiesa cattolica in Libia. Nel 2010 contava 6.000 battezzati su 1.230.000 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Sylvester Carmel Magro, O.F.M.

Territorio

La diocesi comprende la città di Bengasi.

Il territorio è suddiviso in 6 parrocchie.

Storia

Il vicariato apostolico di Cirenaica fu eretto il 3 febbraio 1927 con il breve Divinitus Nobis di papa Pio XI, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico della Libia, che contestualmente assunse il nome di vicariato apostolico della Tripolitania (oggi vicariato apostolico di Tripoli).

Il 22 giugno 1939 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico di Derna e contestualmente ha assunto il nome attuale.

Il 21 settembre 1970 l'allora vicario apostolico, monsignor Giustino Pastorino, fu espulso e fece rientro in Italia stabilendosi a Genova[1]. Il 10 marzo 1997 la ripresa dei rapporti diplomatici tra la Santa Sede ed il governo di Mu'ammar Gheddafi[2] permise la nomina del nuovo vicario, Sylvester Carmel Magro, già vicario delegato a Tripoli[3], che ebbe il permesso di stabilirsi in città.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 1.230.000 persone contava 6.000 battezzati, corrispondenti allo 0,5% del totale.

Note
  1. Giustino Pastorino su it.cathopedia.org in http://it.cathopedia.org. URL consultato il 5 dicembre 2012
  2. «Relazioni Diplomatiche tra la Santa Sede e la Grande Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista». vatican.va, 10 marzo 1997. URL consultato in data 5 dicembre 2012.
  3. «Nomina del Vicario Apostolico di Benghazi (Libia)». vatican.va, 10 marzo 1997. URL consultato in data 5 dicembre 2012.
Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.