Esarca

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

L'Esarca (dal greco antico ἔξ, ex, "sopra", e αρχὸς, archòs, "capo", "sovrintendente") è a capo di un Esarcato, cioè una porzione del popolo di Dio che per particolari circostanze non è stato eretto a Diocesi o ad Eparchia.

Nell'amministrazione civile antica

Il termine esarca (o anche esarco) venne usato, nel corso dei secoli, anche in campo civile. Gli esarchi di Ravenna, per esempio, erano i governatori bizantini della Romagna. In generale il termine indicava un amministratore di grado superiore.

Nella gerarchia ecclesiastica

Nell'organizzazione ecclesiastica dell'Impero d'Oriente, nel IV e V secolo, l'Esarca aveva una carica dignitaria intermedia tra il patriarca[1] e il Vescovo Metropolita.

Oggi

Il titolo di esarca è utilizzato presso le chiese cattoliche di rito orientale.

L'Esarca governa in qualità di delegato dell'autorità che l'ha creato e non in virtù di una propria potestà episcopale.

La Chiesa cattolica ha creato diversi Esarcati Apostolici per i cattolici armeni in Francia, negli Stati Uniti e in Germania.

L'esarca del patriarcato di Gerusalemme viene chiamato "Esarca del Santo Sepolcro".

Nella Chiesa Ortodossa

Nella Chiesa Ortodossa l'Esarca è un alto prelato: un ispettore di monasteri, un deputato del patriarca, ovvero chi governa una Chiesa all'estero per conto del Patriarcato.

Note
  1. Il terminepatriarca venne formalmente attribuito, dopo il 451, ai Vescovi a capo delle poche città più importanti.
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.