Arcivescovo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo

Arcivescovo (dal greco αρχεπίσκοπος, archepiskopos, composto da arché, primo, e epi-skopos, supervisore) è il nome che nella Chiesa cattolica, nelle Chiese ortodosse e nell'anglicanesimo si dà al vescovo che presiede un'arcidiocesi. Una diocesi prende il nome di arcidiocesi quando è la diocesi metropolitana di una provincia ecclesiastica, oppure per motivi storici o di prestigio. Essere arcivescovo invece che vescovo non comporta una ulteriore ordinazione: è lo stesso grado del sacramento dell'ordine; la distinzione non è di carattere sacramentale, ma di funzione nella chiesa.

Per indicare un arcivescovo a capo di una arcidiocesi metropolitana si può anche usare l'espressione "metropolita", sottolineando così il fatto che l'arcivescovo presiede la diocesi "metropolitana", cioè quella che corrisponde normalmente alla città più grande o più importante della provincia ecclesiastica.

Stemma di un arcivescovo metropolita
Stemma di un arcivescovo non metropolita

Nel rito latino si possono dare arcivescovi non metropoliti. Questa anomalia è dovuta generalmente a tre motivi:

  • Arcivescovi di una arcidiocesi estinta, della quale portano il titolo. Tali possono essere ad esempio alcuni vescovi che lavorano nelle congregazioni romane.
  • Arcivescovi di diocesi che hanno il titolo di arcidiocesi, pur non essendo metropolitane e che quindi non formano una provincia ecclesiastica (ad esempio l'arcivescovo di Strasburgo, la cui diocesi è immediatamente soggetta alla Santa Sede, oppure l'arcivescovo di Amalfi-Cava de' Tirreni, la cui diocesi è suffraganea di Salerno, che è sede metropolitana).
  • Vescovi che ricevono il titolo di arcivescovo ad personam, senza che la loro diocesi divenga arcidiocesi: in questo caso infatti il titolo rimane legato alla sola persona dell'arcivescovo, quasi come un titolo di prestigio.

In tutti questi tre casi, e comunque ogni volta che un arcivescovo non è vescovo metropolita, egli non indossa il pallio, che è un segno liturgico strettamente connesso alla potestà di supervisione nell'ambito della provincia ecclesiastica.

Nella chiesa cattolica tutti gli arcivescovi, metropoliti e non, hanno un segno distintivo nella propria araldica: i cordoni che scendono dal galero sui due lati dello stemma hanno quattro file di fiocchi (i vescovi ne hanno tre; i cardinali cinque).

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.