Missionari Servi dei Poveri

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Missionari Servi dei Poveri
in latino Congregatio Missionariorum Servorum Pauperum
Missionari Servi dei Poveri.jpg

Istituto di vita consacrata
Congregazione religiosa maschile di diritto pontificio

Altri nomi
Bocconisti
Opera del Boccone del Povero
Fondatore Giacomo Cusmano
Data fondazione 1887
Luogo fondazione Palermo
sigla S.d.P.
Titolo superiore
Approvato da Giovanni XXIII
Data di approvazione 10 luglio 1960
Scopo Opere di carità verso i poveri
Costituzioni approvate il 4 settembre 1907.
Approvazione provvisoria Palermo il 10 luglio 1888.
Collegamenti esterni

Sito ufficiale

Scheda su gcatholic.com
Scheda su catholic-hierarchy.org


I Missionari Servi dei Poveri, ovvero Opera del Boccone del Povero (in latino Congregatio Missionariorum Servorum Pauperum), sono un istituto religioso maschile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione clericale, detti popolarmente Bocconisti o Cusmaniani, pospongono al loro nome la sigla S.d.P.[1]

Cenni storici

Giacomo Cusmano, fondatore dell'istituto

La congregazione fu fondata a Palermo nel 1887 dal sacerdote italiano Giacomo Cusmano (1834-1888) per l'esercizio delle opere di carità verso i poveri e i sofferenti e l'apostolato missionario.[2]

Fu canonicamente eretta in istituto di diritto diocesano dall'arcivescovo di Palermo il 10 luglio 1888 e le sue costituzioni vennero approvate il 4 settembre 1907; aggregata all'Ordine dei Frati Minori Cappuccini dall'11 maggio 1956, la congregazione ha ricevuto il pontificio decreto di lode il 10 luglio 1960.[2]

Il fondatore è stato beatificato da papa Giovanni Paolo II nella basilica di San Pietro in Vaticano il 30 ottobre 1983.[3]

Il suo Moderatore supremo padre Francesco Spoto morto martire in Zaire nel 1964 è stato beatificato da Papa Benedetto XVI il 26 giugno 2006.

Il 10 marzo 2007, per la prima volta, è stato innalzato all'episcopato un religioso della congregazione, padre Vincenzo Bertolone, eletto vescovo di Cassano allo Ionio.[4]

Attività e diffusione

I Missionari si dedicano alle opere di carità verso i poveri e alle missioni popolari; operano nei ricoveri per mendicanti, negli orfanotrofi e negli ospedali.[1]

Sono presenti in Europa (Italia, Romania), in Africa (Camerun, Congo, Uganda), nelle Americhe (Brasile, Messico, Stati Uniti) e in Asia (Filippine, India);[5] la sede generalizia è a Roma.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 22 case e 124 religiosi, 73 dei quali sacerdoti.[1]

Note
  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Ann. Pont. 2007, p. 1493.
  2. 2,0 2,1 DIP, vol. V (1978), col. 1495, voce a cura di G. Civiletto.
  3. G. Pettinati, op. cit., vol. III (1992), pp. 165-171.
  4. Bishop Vincenzo Bertolone, S.d.P. (Catholic-Hierarchy) su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 18-1-2010
  5. Beato Giacomo Cusmano (santiebeati.it) su santiebeati.it. URL consultato il 6-11-2009
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.