Musei Vaticani

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

1leftarrow.png Voce principale: Città del Vaticano.

Musei Vaticani
Musei vaticani0040.JPG
Musei Vaticani, Portale d'ingresso: Pietro Melandri, Stemma di Pio XI tra le due statue di Michelangelo e Raffaello (1932)
Categoria Musei pontifici
Stato bandiera Città del Vaticano
Regione ecclesiastica [[]]
Regione
Provincia
Comune Città del Vaticano
Località o frazione {{{Località}}}
Diocesi Diocesi di Roma
Vicariato Generale dello Stato della Città del Vaticano
Indirizzo Viale Vaticano - 00165 Roma (RM)
Telefono +39 06 69884676, +39 06 69883145
Fax +39 06 69884019
Posta elettronica musei@scv.va
Sito web [1]
Proprietà Santa Sede
Tipologia arte sacra, archeologico, architettura, arte sacra contemporanea
Contenuti arazzi, arredi sacri, ceramiche, codici miniati, dipinti, ex voto, grafica e disegni, incunaboli, lapidi, libri antichi a stampa, manoscritti, medaglie, monete, mosaici, paramenti sacri, reperti archeologici, scultore, suppellettile liturgica
Servizi accoglienza al pubblico, audioguide, archivio storico, biblioteca, biglietteria, bookshops, caffetteria, didattica, fototeca, guardaroba, laboratorio di restauro, punti ristoro, visite guidate, organizzazione e sale per eventi e mostre temporanee, mediateca
Sistema museale di appartenenza
Sede Museo Palazzi Vaticani
Datazione sede
Sede Museo 2°
Datazione sede 2°
Fondatori papa Giulio II
Data di fondazione 1503
Note
{{{Note}}}
Coordinate geografiche
{{ {{{sigla paese}}} }} <span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto">Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto Errore nell'espressione: operatore < inatteso°Errore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: operatore < inattesoErrore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}}

I Musei Vaticani, situati entro lo Stato della Città del Vaticano a Roma, è uno dei più grandi tesori d'arte e storia al mondo, accumulato nei secoli dai papi, e aperto al pubblico nel 1503, quando Giulio II concesse ad artisti e studiosi il privilegio di ammirare e conoscere alcune opere collocate nel Palazzetto del Belvedere (oggi parte del Museo Pio-Clementino).

Il prof. Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani, nella presentazione afferma che questi sono:

« Uno dei luoghi in assoluto più importanti per la storia dell'umana civilizzazione. I Musei che i Papi di Roma hanno costruito e arricchito attraverso cinque secoli conducono il visitatore ad avvertire il rumore della storia ed il respiro del Sacro. Entrando nei Musei Vaticani si incontra la gloria dell'Arte e della Cultura poste al servizio della Fede.[1] »

Storia e origini

Primo nucleo dei Musei Vaticani fu la raccolta di sculture formata da Giulio II (1503 -1513) ed esposta nel cosiddetto Cortile delle Statue, oggi Cortile Ottagono. I papi furono tra i primi sovrani che misero a disposizione della cultura e del pubblico le raccolte d'arte del loro palazzo.

Nella loro forma di raccolte artistiche ordinate in appositi edifici accessibili al pubblico, i Musei e le Gallerie Pontificie hanno origine con il papa Clemente XIV (1769 - 1774) e Pio VI (1775 - 1799) e per questo la sezione allestita durante questi due pontificati viene chiamata Museo Pio-Clementino.

Ottocento

Prospetto architettonico tridimensionale

Il papa Pio VII (1800 - 1823) ampliò notevolmente le raccolte di Antichità Classiche, aggiungendovi tra il 1807 - 1810 il Museo Chiaromonti, allestito da Antonio Canova, che comprende:

  • Galleria Chiaramonti;
  • Galleria Lapidaria, allestita da Gaetano Marini ed incrementata notevolmente da altre epigrafi;
  • Braccio Nuovo.

Il pontefice Gregorio XVI (1831 - 1846) fondò:

Nel 1854, il papa Pio IX (1846 - 1878) inaugura il Museo Pio Cristiano nel Palazzo del Laterano, comprendente opere paleocristiane, in particolare sculture, sarcofagi ed iscrizioni.

Novecento

Nel corso del pontificato di Pio X (1903 - 1914), nel 1910, venne aggiunto il Lapidario Ebraico: una sezione contenente 137 iscrizioni di antichi cimiteri ebraici di Roma, in gran parte provenienti da quello sulla Via Portuense.

Durante il papato di Pio XI (1922-1939) venne:

Luca Beltrami, Palazzo della Pinacoteca Vaticana (1932)

Il papa Giovanni XXIII (1958 - 1963) fece erigere un nuovo palazzo dallo Studio di Architettura dei fratelli Fausto, Lucio e Vincenzo Passarelli, all'interno delle Mura vaticane, per accogliere le collezioni già presenti nel Palazzo del Laterano:

Il nuovo edificio verrà inaugurato nel 1970 da Paolo VI (1963-1978).

Nel 1973 venne istituita da papa Paolo VI la Collezione d'Arte Religiosa Moderna, allestita nell'Appartamento Borgia.

Nel 1987, durante il pontificato di Giovanni Paolo II:

Dall'inizio del 2000, i Musei Vaticani accolgono i visitatori con un nuovo spazioso ingresso, dove trovano posto i servizi di accoglienza, arricchito da diverse opere d'arte due delle quali realizzate appositamente.

Elenco dei Musei, delle Gallerie e dei Siti

I Musei Vaticani sono una vera e propria città dedicata all'arte, costituita da vari musei, ciascuno dei quali, nel suo settore, un vertice di valore assoluto:

Giuseppe Momo, Scala elicoidale (1932)

Galleria fotografica

Note
  1. Saluto del Direttore nel sito ufficiale dei Musei Vaticani
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.