Arcivescovo maggiore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Il titolo di arcivescovo maggiore spetta agli arcivescovi a capo di alcune Chiese cattoliche sui iuris.

Gli arcivescovi maggiori hanno le stesse prerogative dei patriarchi delle Chiese cattoliche orientali e come questi vengono eletti dal sinodo della loro chiesa ma, mentre i patriarchi hanno solo l'obbligo di chiedere al papa la ecclesiastica communio, l'elezione degli arcivescovi maggiori deve essere confermata dal pontefice. Come quello patriarcale, il titolo arcivescovile maggiore è legato ad una determinata sede. Gli arcivescovi maggiori hanno il diritto, come i patriarchi, di utilizzare il titolo di Sua Beatitudine (Mar) e di indossare il pallio.

L'elevazione di una Chiesa ad arcivescovile maggiore comporta il riconoscimento di un'ampia autonomia ed è una prerogativa della Santa Sede; è una soluzione adottata quando il titolo patriarcale non può essere concesso per motivi storici o di opportunità.

Chiese arcivescovili maggiori

Le Chiese arcivescovili maggiori sono attualmente quattro.

Note
  1. Fino al 29 agosto 2005 l'arcivescovo maggiore era titolare dell'arcieparchia di Leopoli.
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.