Commiato di Gesù Cristo dalla madre (Lorenzo Lotto)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
GER Berlino Gemäldegalerie L.Lotto CommiatoCristoMadre 1521.jpg
Lorenzo Lotto, Commiato di Gesù Cristo dalla madre (1521), olio su tela
Commiato di Gesù Cristo dalla madre
Opera d'arte
Stato

bandiera Germania

Regione [[]]
Regione ecclesiastica [[|]]
Provincia
Comune

Berlino

Località
Diocesi Berlino
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Gemäldegalerie
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Commiato di Gesù Cristo dalla madre
Datazione 1521
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Lorenzo Lotto

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tela
Misure h. 126 cm; l. 99 cm
Iscrizioni Laurentjo / Lotto Pictor / 1521
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata e datata
Collegamenti esterni

Il Commiato di Gesù Cristo dalla madre è un dipinto, eseguito nel 1521, ad olio su tela, da Lorenzo Lotto (1480 - 1557), conservato alla Gemäldegalerie di Berlino.

Descrizione

Ambientazione

La scena è ambientata all'interno di un edificio (più una chiesa che un palazzo) con un loggiato ed un perimetro di colonne con capitelli corinzi che sostiene l'ampia volta, sulla quale si riflettono i primi raggi del sole, che filtrano dal grande oculo frontale, e la cui luce si proietta sul soffitto: un'alba che simboleggia l'inizio dell'era cristiana, inaugurata con la passione di Gesù Cristo.

Sullo sfondo un giardino recintato (hortus conclusus), protetto da una siepe fiorita verso verso l'interno e da un alto muro verso l'esterno, che fa riferimento ad degli attributi simbolici della Madonna. Inoltre, sulla destra, si intravvede la camera da letto di Maria, perfettamente ordinata, che ricorda l'episodio dell'Annunciazione.

Soggetto

Lorenzo Lotto, Commiato di Gesù Cristo dalla madre (part. Elisabetta Rota), 1521, olio su tela

Il dipinto presenta l'episodio del Commiato di Gesù Cristo dalla madre che deriva dalla tradizione popolare, non evangelica, ma largamente descritta nella letteratura devozionale. Nella scena compaiono:

  • al centro:
    • Gesù Cristo, nell'approssimarsi della Passione, umilmente inginocchiato, con le braccia incrociate sul petto e la testa reclinata sulla spalla, saluta per l'ultima volta la madre. La incontrerà di nuovo nel momento estremo, sulla via del Calvario ed ai piedi della croce.
    • Maria Vergine conscia del destino tragico del Figlio, sviene per il dolore, è sorretta da san Giovanni apostolo e dalle pie donne: si tratta di una prefigurazione del diffuso tema iconografico dello svenimento della Madonna al momento della Crocifissione;
    • san Giovanni apostolo raffigurato come un giovane dai lunghi capelli biondi;
    • Due donne, di difficile identificazione, sono presentate una giovane che aiuta san Giovanni a sostenere Maria ed una anziana, rugosa ed ammantata, che impegna le mani in un consolidato gesto di disperazione.
  • a sinistra, si affacciano sulla scena:
  • a destra:
    • Elisabetta Rota, committente dell'opera, è presentata abbigliata con una sontuosa veste blu dai riflessi violacei, al collo un giro di perle, i capelli lisci e spartiti sui lati raccolti da un nastro nero sotto una leggera reticella e porta ad entrambi gli anulari due anelli di foggia diversa, uno con pietra rossa e l'altro blu. La donna non guarda la scena principale, ma è immersa in un'orazione mentale, denominata compositio loci, ossia si avvale di una pratica devozionale, diffusa all'epoca del dipinto, che invitava i fedeli a visualizzare mentalmente gli episodi della vita di Gesù Cristo: questa tecnica è descritta in un testo classico della spiritualità dei laici, il Giardino di orazione, redatto da un autore anonimo intorno al 1454 e più volte ristampato. Era una modo di pregare molto apprezzato in quegli anni anche da sant'Ignazio di Loyola, che lo presenta come un efficace metodo di meditazione nei suoi Esercizi Spirituali. Infatti, la nobildonna è figurata inginocchiata in terra ed assorta nella preghiera con uno sguardo, concentrato verso di sé e dentro di sé, che tradisce i suoi pensieri, ha appena letto l'episodio del Commiato nel libro di devozioni che tiene aperto davanti a sé. La scena, costruita da Lorenzo Lotto, è la traduzione figurata del suo pensiero, quella che la sua mente fa dell'accaduto. Elisabetta ambienta la scena in un contesto che le è noto, forse nell'androne della sua casa bergamasca.

Inoltre, nella scena sono presenti alcuni dettagli, resi con grande cura, spesso di valore simbolico, come:

Lorenzo Lotto, Commiato di Gesù Cristo dalla madre (part. Camera da letto di Maria e gatto nero), 1521, olio su tela
  • Libro, in mano ad Elisabetta Rota, è un piccolo codice a grosse lettere, parzialmente scritto e ornato di rosso ("rubricato") come si nota sulla pagina aperta e sul taglio superiore, con i rinforzi di protezione del dorso, i fermagli di chiusura ed il segna pagina figurato e dorato: questo è un libretto di preghiere, un oggetto di famiglia.
  • Cagnolino che gioca tra le pieghe dell'abito della nobildonna, è simbolo di fedeltà.
  • Gatto nero che passeggia furtivo nella penombra del colonnato, le cui pupille riflettono la luce che penetra da destra e che disegna le ombre dei personaggi sul pavimento.
  • Due candidi conigli (uno sotto il loggiato e l'altro nel giardino) sono il simbolo della mitezza di Gesù Cristo e del timore di Maria.
  • Ramo con ciliegie rosse, che rimandano al sangue del sacrificio di Cristo.
  • Arancia richiama Maria come sposa di Cristo.
  • Lettera piegata (non un cartiglio), che insieme ai frutti sembra inserita tra la tela e la cornice.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • Il dipinto ha alcune affinità con il Commiato di Gesù Cristo dalla madre (1510 - 1520), opera del Correggio,[1] conservato alla National Gallery di Londra, tanto da far a pensare che il pittore veneto avesse potuto conoscere il lavoro del suo contemporaneo emiliano. È questo, in realtà, solo uno dei molti punti di contatto che si possono riscontrare fra la ricerca artistica dei due pittori sul cui rapporto, tuttavia, non si dispone di alcun dato documentario.
  • Lo schema compositivo si basa su quello delle Annunciazioni: non a caso si vede nello sfondo un giardino e la camera da letto di Maria. Le figure monumentali richiamano, nel patetismo espressivo e popolaresco, le statue di Gaudenzio Ferrari collocate nel Sacro Monte di Varallo.

Iscrizione

Lorenzo Lotto, Commiato di Gesù Cristo dalla madre (part. Giardino recintato), 1521, olio su tela

Nel dipinto, in basso al centro, figura su una lettera piegata la firma del pittore e la data di esecuzione dell'opera:

« Laurentjo / Lotto Pictor / 1521 »

Notizie storico-critiche

L'opera venne eseguita da Lorenzo Lotto nel 1521 su commissione della nobildonna bergamasca Elisabetta Rota, moglie di Domenico Tassi, il quale fu anche lui un grande estimatore del pittore e lo incaricò di altri due dipinti:

  • San Girolamo;
  • Natività di Gesù, che probabilmente faceva pendant con il Commiato di Berlino: quest'opera apparentemente perduta, in realtà ne rimane testimonianza in una malandata copia delle Gallerie veneziane, nel quale si vede il committente in adorazione di Gesù Bambino.
Note
Bibliografia
  • Carlo Bertelli et. al., Storia dell'Arte Italiana, vol. 3, Editore Electa-Bruno Mondadori, Milano 1990, pp. 174 - 175 ISBN 9788842445234
  • F. Colalucci, Lorenzo Lotto, don Pietro da Lucca, Elisabetta Rota e il tema del Congedo di Cristo dalla Madre, in "Venezia Cinquecento", I/1, 1991, pp. 27 - 61
  • F. Colalucci, Bergamo negli anni di Lotto: pittura, guerra e società, Bergamo 1998, pp. 133 – 134
  • Augusto Gentili, Il Congedo di Cristo dalla Madre di lorenzo Lotto, in "Art Dossier", gennaio 2012, pp. 64 - 69
  • M. Lucco et al. (a cura di), Lorenzo Lotto. Il genio inquieto del Rinascimento, catalogo della mostra (Bergamo, Accademia Carrara, 2 aprile – 28 giugno 1998), Milano 1998, pp. 121 - 124
  • P. Zampetti (a cura di), Lorenzo Lotto, catalogo della mostra (Palazzo Ducale, Venezia, 14 giugno-18 ottobre 1953), Venezia 1953, n. 41
  • Mauro Zanchi, Lotto. I simboli, col. "Art e Dossier", Editore Giunti, Firenze 2011, pp. 8, 10
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 243 - ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.