Croce con i simboli degli evangelisti (V secolo)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ravenna MausoleoGallaPlacidia Croce+SimboliEvangelisti 425-450.png
Maestranze bizantine, Croce e simboli degli evangelisti (secondo quarto del V secolo), mosaico
Croce con simboli degli evangelisti
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Emilia Romagna
Regione ecclesiastica Emilia
Provincia Ravenna
Comune

Stemma Ravenna

Località
Diocesi Ravenna-Cervia
Parrocchia o Ente ecclesiastico Arcidiocesi di Ravenna-Cervia
Ubicazione specifica Mausoleo di Galla Placidia, cupola, volta interna
Uso liturgico sporadico
Comune di provenienza Ravenna
Luogo di provenienza ubicazione originaria
Oggetto decorazione musiva
Soggetto Croce e simboli degli evangelisti
Datazione secondo quarto del V secolo
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale bottega bizantina
Autore

anonimo

Altre attribuzioni
Materia e tecnica mosaico
Misure
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

2Subito fui rapito in estasi. Ed ecco, c'era un trono nel cielo, e sul trono uno stava seduto. 3Colui che stava seduto era simile nell'aspetto a diaspro e cornalina. Un arcobaleno simile a smeraldo avvolgeva il trono. 4Attorno al trono, poi, c'erano ventiquattro seggi e sui seggi stavano seduti ventiquattro vegliardi avvolti in candide vesti con corone d'oro sul capo. 5Dal trono uscivano lampi, voci e tuoni; sette lampade accese ardevano davanti al trono, simbolo dei sette spiriti di Dio. 6Davanti al trono vi era come un mare trasparente simile a cristallo. In mezzo al trono e intorno al trono vi erano quattro esseri viventi pieni d'occhi davanti e di dietro....
7Il primo vivente era simile a un leone, il secondo essere vivente aveva l'aspetto di un vitello, il terzo vivente aveva l'aspetto d'uomo, il quarto vivente era simile a un'aquila mentre vola. 8I quattro esseri viventi hanno ciascuno sei ali, intorno e dentro sono costellati di occhi; giorno e notte non cessano di ripetere: Santo, santo, santo il Signore Dio, l'Onnipotente, Colui che era, che è e che viene!.
Virgolette chiuse.png

La Croce con i simboli degli evangelisti è la decorazione musiva parietale, eseguita nel secondo quarto del V secolo, a mosaico, da maestranze bizantine, ubicato sulla volta interna della cupola del Mausoleo di Galla Placidia di Ravenna.

Descrizione

Oggetto

La decorazione musiva è stata eseguita utilizzando tessere di pasta vitrea di circa un centimetro sia per le figure, sia lo sfondo.

Soggetto

La decorazione musiva della cupola presenta un cielo indaco, dove compaiono:

  • Croce latina dorata con estremità patenti che campeggia allo zenit. La croce presenta il braccio longitudinale non in asse con quello del sacello stesso, bensì risulta rivolto ad oriente. La croce, luminosa, in gloria, è pienezza della "buona novella" che i libri sacri trasmettono;
  • 567 stelle auree ad otto punte disposte in giri concentrici che sembrano roteare;
  • Simboli degli Evangelisti, che si trovano sui pennacchi, anch'essi color oro, posti di tre quarti ed emergenti da nubi stilizzate bianco-azzurre e rosse:

L'intera decorazione e incorniciata da una cornice realizzata da volute di vite dorate su sfondo blu indaco.

Notizie storico-critiche

Galla Placidia (390 ca. – 450) giunge a Ravenna nel 425, come tutrice del figlio Valentiniano III (419 - 455), ancora giovane per tenere in mano il potere dell'Impero romano d'Occidente.

L'imperatrice, nel periodo ravennate, fece costruire una serie d’edifici sacri che dimostrino la sua ortodossia religiosa. Fra questi edifici si ricorda anche la Chiesa di Santa Croce al cui nartece erano collegati due sacelli, a croce greca, di cui rimane solo quello di destra: il cosiddetto Mausoleo di Galla Placidia con evidente funzione funeraria, come conferma anche la presenza della pigna sul tiburio.

Galla Placidia, tuttavia, muore a Roma nel 450 e molto probabilmente viene sepolta nel mausoleo teodosiano presente in quella città.

Galleria fotografica

Bibliografia
  • Carlo Bertelli et. al., Storia dell'Arte Italiana, vol. 1, Editore Electa - Bruno Mondadori, Milano 1990, pp. 322 - 323 ISBN 9788842445210
  • Raffaella Farioli Campanati, Ravenna romana e bizantina, Editore Longo, Ravenna 1977, p.58
  • Clementina Rizzardi (a cura di), Il mausoleo di Galla Placidia, Editore F. C. Panini, Modena 1996, pp. 400 - 402
  • Timothy Verdon, La bellezza nella Parola. L'arte a commento delle letture festive. Anno A, Editore San Paolo, Milano 2008, pp. 352 - 355 ISBN 9788821560361
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.