Croce pensile

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Museo e Tesoro del Duomo di Monza, Croce pensile di Berengario I (fine IX - inizio X secolo) in oro, gemme e perle

La croce pensile è un tipologia antica di croce, generalmente molto preziosa, che veniva appesa sopra l'altare.

Storia e morfologia

L'uso di sospendere croci piccole e preziose (o crismon) alla pergula sopra l'altare è molto antico e documentato sia dalle fonti letterarie, sia figurative.

Si trattava di oggetti votivi che venivano donati alle chiese da alti prelati o da personaggi regali per essere appesi, generalmente abbianti alla corona.

I rari esempi giunti fino ad oggi, risalgono al VI - IX secolo, e presentano un'identica tipologia: sono croci latine o greche, prive dell'immagine di Gesù Cristo crocifisso, caratterizzate dalla presenza di varie pietre preziose, perle e cammei, incastonati o pendenti dai bracci ai quali potevano essere appese le lettere escatologiche Ά e Ώ. Qualche volta sono percorse da iscrizioni commemorative del donatore o recano al centro una piccola teca contenente una reliquia della Vera Croce

Esemplari significativi

Fra gli esempi di maggior rilievo storico-artistico si ricordano:

Bibliografia
  • Sandra Vasco Rocca, L'arredo d'altare, in Suppellettile ecclesiastica. 1, Centro Di Editore, Firenze 1988, ISBN 88703816412, p. 78
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.