Corona pensile

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Museo e Tesoro del Duomo di Monza, Corona pensile di Teodolinda (fine VI - inizio VII secolo), in oro, gemme e madreperla

La corona pensile è una tipologia antica d'arredo sacro a forma di corona e spesso associato alla croce pensile, sospeso sopra l'altare.

Storia

Nei primi secoli del Cristianesimo la corona, come il serto dell'alloro attribuito all'imperatore vittorioso, fu adottata quale simbolo di trionfo sulla morte nelle raffigurazioni sepolcrali e in seguito nelle decorazioni degli altari sorti sulle tombe dei martiri e dei confessori, come allusione alla vittoria della fede sui nemici della Chiesa.

L'offerta della corona da parte di un sovrano significava la sottomissione del potere terreno a Dio, re dei re. Anche i pontefici usavano ornare le confessioni dei martiri di corone, la cui tipologia era simile all'analoga insegna regale.

Dal VI al X secolo, rimangono molti documenti iconografici e letterari di corone votive pensili, spesso associate alla croce, che erano appese con catene al centro della pergula (architrave soprastante l'altare), o lungo gli intecolumni delle navate, insieme a lampade di forma simile.

Dal X secolo, con il diffondersi dell'uso di collocare presso l'altare la croce processionale, divenne meno frequente la coppia corona-croce; perdurò invece l'uso della corona d'onore davanti all'altare.

Un ultimo documento di quest'antica tradizione si ha sotto il pontificato di Alessandro VII (1655 - 1667) da parte della regina Cristina di Svezia con il dono della sua corona e dello scettro alla Santuario della Santa Casa di Loreto.

Descrizione

Le corone votive introdotte come arredo liturgico non differenziavano da quelle imperiali; erano formate da un cerchio, spesso tempestato di gemme e varie decorazioni, al quale erano fissate le catene di sospensione che si congiungevano in un anello ed erano attaccate con un gancio. Al centro della corona poteva trovarsi anche la croce pensile, decorata con motivi simili.

Esemplari significativi

Fra gli esempi di maggior rilievo storico-artistico si ricorda:

Bibliografia
  • Sandra Vasco Rocca, L'arredo d'altare, in Suppellettile ecclesiastica. 1, Centro Di Editore, Firenze 1988, p. 67 ISBN 88703816412
Voci correlate
Collegamenti esterni
Firma documento.png

Il contenuto di questa voce è stato firmato il giorno 16 dicembre 2013 da Teresa Morettoni, esperta in museologia, archeologia e storia dell'arte.

Il firmatario ne garantisce la correttezza, la scientificità, l'equilibrio delle sue parti.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.