Festa di San Michele Arcangelo (Padula)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Festa di San Michele Arcangelo (Padula)
Padula ChiesaS.MicheleArc.jpg
Chiesa di San Michele Arcangelo
Festa patronale
Processione
Festa locale
Commemorazione celebrata San Michele Arcangelo, patrono della città
Chiamata anche
Note
Stato bandiera Italia
Regione Stemma Campania
Provincia Salerno
Comune Padula
Località
Luogo specifico vie del centro storico
Diocesi Teggiano-Policastro
Periodo Primavera
Data
Data fine
Data mobile maggio, ultima domenica - giugno, seconda domenica
Data d'istituzione
Organizzata da
Tradizioni religiose processioni
Tradizioni folcloristiche {{{tradizioni folcloristiche}}}
Tradizioni culinarie
Informazioni
Collegamenti esterni
Sito ufficiale dell'Istituto Centrale per la DemoEtnoAntropologia (IDEA)

La Festa di San Michele Arcangelo si svolge annualmente a Padula (Salerno), l'ultima domenica di maggio e la seconda domenica di giugno, in onore di san Michele arcangelo, patrono della città.

Descrizione

La Festa di San Michele Arcangelo si celebra in due tempi distinti:

Maggio

In questa occasione la Statua di san Francesco d'Assisi dal Convento, "si reca in visita" al patrono san Michele Arcangelo, per la Messa solenne (ore 11.00) nella Chiesa parrocchiale, la cui prima edificazione risale al IX - X secolo.

Prima della celebrazione eucaristica, le statue della Chiesa parrocchiale vengono preparate lungo le navate laterali.

Al termine della Messa vengono disposte sul sagrato antistante la Chiesa di San Michele Arcangelo in attesa dell'uscita del Santo patrono, che è stato adornato con gli ex voto e le primizie della terra, in particolare le ciliegie.

Giugno

Alla periferia di Padula, verso sud est, in una grotta naturale è conservata la Statua di san Michele arcangelo, in tufo grigio, proveniente dalla celebre Certosa.

La processione si svolge sul posto, al suono delle zampogne, nel luogo dove sorgeva l'antica Consilínum, lungo i ruderi delle mura esterne, sino alla Cappella di San Sepolcro.

Riconoscimenti

L'Istituto Centrale per la DemoEtnoAntropologia ha riconosciuto l'evento, quale Patrimonio immateriale d'Italia

IDEA, logo.jpg
Patrimonio immateriale d'Italia

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.