Festa di San Rocco (Butera)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Festa di San Rocco (Butera)
Butera S.Rocco 01.JPG
Ambito siciliano, Statua di san Rocco (fine XVII - inizio XVIII secolo), legno policromo, ferro e iuta
Festa patronale
Processione
Festa locale
Commemorazione celebrata San Rocco, patrono della città
Chiamata anche
Note
Stato bandiera Italia
Regione Stemma Sicilia
Provincia Caltanissetta
Comune Butera
Località
Luogo specifico vie del centro storico, Santuario di San Rocco, Chiesa di San Tommaso
Diocesi Piazza Armerina
Periodo Estate
Data inizio 15 agosto
Data fine 23 agosto
Data mobile
Data d'istituzione 1683
Organizzata da Parrocchia del Santuario di San Rocco
Tradizioni religiose processioni, celebrazioni eucaristiche
Tradizioni folcloristiche distribuzione del pane e basilico benedetto, spettacolo pirotecnico
Tradizioni culinarie
Informazioni Parrocchia del Santuario di San Rocco
Viale Diaz, 2 - 93011 Butera (CL)
Tel. 0934 346114
filippoprovinzano@alice.it
Collegamenti esterni
Sito web
Sito ufficiale dell'Istituto Centrale per la DemoEtnoAntropologia (IDEA)

La Festa di San Rocco si svolge annualmente a Butera (Caltanissetta), da 15 al 23 agosto, in onore di san Rocco, patrono della città.

Storia

Il 18 aprile 1683, Domenica di Pasqua, per opera dei principi Branciforti, che amministravano Butera ed erano devoti di san Rocco, nella Chiesa di San Tommaso, detta Chiesa Madre, venne proclamato solennemente patrono della città. Da quel momento il Santuario di San Rocco è sempre stata meta di tanti pellegrini, anche dei paesi limitrofi, per il diffondersi della devozione al Santo.

Descrizione

La festa patronale si articola in momenti celebrativi, devozionali e folcloristici, scanditi dalla tradizione:

Riti preparatori

Il 6 agosto, festa della Trasfigurazione del Signore, durante la celebrazione eucaristica, si svolge il rito dell'intronizzazione del Reliquiario di san Rocco e dell'accensione della lampada della carità ed, inoltre, il Sindaco consegna nelle mani del Santo le chiavi della città, simboleggiando la richiesta di protezione del popolo al patrono.

Il 12 agosto viene benedetto e distribuito ai fedeli il pane di san Rocco.

Solennità dell'Assunta

Il 15 agosto, solennità dell'Assunzione della Beata Vergine Maria, il primo giorno della festa patronale è annunciato nella mattinata con lo sparo di bombe a salve e il suono delle campane. La sera si svolge la processione con il Reliquiario a medaglione ovale di san Rocco dalla Chiesa di San Tommaso al Santuario di San Rocco, alla quale partecipano le autorità civili e religiose.

Festa del Santo patrono

Il 16 agosto, giorno della festa patronale, il Santuario di San Rocco apre le porte all'alba per accogliere i numerosi pellegrini e devoti che dalla città e dai borghi vicini portano i propri voti al Santo. Anche questa questa giornata è salutata con lo sparo di bombe a salve e il suono delle campane.

Il giorno della festa prosegue secondo un programma tradizionalmente ben definito:

  • ore 9.00: si procede alla discesa dalla nicchia, sopra l'altare, della Statua di san Rocco (fine XVII - inizio XVIII secolo), in legno policromo, ferro e iuta, opera di ambito siciliano. Il simulacro viene posto su una macchina processionale, detta popolarmente vara, adornata solo con il basilico appositamente coltivato dai devoti di san Rocco: questa un'antica tradizione popolare, mantenuta tuttora, nella quale i fedeli non avendo altro da donare al Santo, offrivano questa pianta aromatica dall'intenso profumo. A conclusione della processione, il basilico viene distribuito ai fedeli che lo portano nelle loro case con fede e devozione.
  • ore 10.00: si tiene la processione, che accompagna il simulacro del patrono dal Santuario alla Chiesa Madre, attraversando le vie del centro storico, e che vede una grande partecipazione di devoti a piedi nudi. Durante il corteo si svolge l'antico rito della svestizione dei bambini, innalzandoli ignudi verso la Statua di san Rocco, affinché vengano posti sotto la speciale protezione del Santo, perché li custodisca e li aiuti a crescere, proteggendoli nelle difficoltà della vita.
  • ore 19.00: nella Chiesa Madre si tiene la celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo, alla quale segue la processione che riporta la Statua di san Rocco al Santuario.

Il giorno della festa patronale si conclude a mezzanotte con uno splendido ed emozionante spettacolo pirotecnico.

Ottava della festa

Il 23 agosto, ottava della festa, si ripete la processione di san Rocco, che viene portato, di mattina alla Chiesa Madre e poi la sera, dopo la celebrazione eucaristica, ritorna al Santuario.

Riconoscimenti

L'Istituto Centrale per la DemoEtnoAntropologia (IDEA) ha riconosciuto l'evento, quale Patrimonio immateriale d'Italia

IDEA, logo.jpg
Patrimonio immateriale d'Italia

Galleria fotografica

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.