Apri il menu principale

Cathopedia β

Legge italiana di soppressione delle festività religiose (1977)

100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

La legge civile italiana n. 54 del 5 marzo 1977, dal titolo Disposizioni in materia di giorni festivi, determinò la cessazione del carattere festivo civile di varie festività della Chiesa Cattolica:

Furono inolte spostate rispettivamente alla prima domenica di giugno ed alla prima di novembre le celebrazioni della Festa della Repubblica (2 giugno) e dell'Unità Nazionale (ex Festa della Vittoria della prima guerra mondiale, 4 novembre).

In conseguenza del cambiamento la Chiesa italiana spostò l'Epifania, l'Ascensione, il Corpus Domini alla domenica seguente, mentre tolse il carattere di festa di precetto a San Giuseppe e ai Santi Pietro e Paolo.

Otto anni dopo, con il D.P.R. 792/1985, venne ripristinata agli effetti civili la Solennità dell'Epifania. Limitatamente al Comune di Roma, anche quella dei Santi Apostoli Pietro e Paolo.

Nel 2000 poi ridivenne festivo anche il giorno 2 giugno, al quale fu riportata la celebrazione della Festa della Repubblica.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.