Monastero di Santa Caterina

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando il monastero di Prato, vedi Monastero di Santa Caterina (Prato).
Disambig-dark.svg
Monastero di Santa Caterina
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
[[Immagine:|300px]]
Stato Egitto
Regione Monte Sinai
Provincia {{{Provincia}}}
Comune
Località {{{Località}}}
Diocesi
Religione Chiesa Cattolica
Indirizzo {{{Indirizzo}}}
Telefono {{{Telefono}}}
Fax {{{Fax}}}
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web [http:// Sito ufficiale]
Sito web 2
Proprietà {{{Proprietà}}}
Oggetto tipo Monastero
Oggetto qualificazione {{{Oggetto qualificazione}}}
Dedicazione Santa Caterina d'Alessandria
Vescovo {{{Vescovo}}}
Fondatore {{{Fondatore}}}
Data fondazione {{{Data fondazione}}}
Architetto
Stile architettonico Bizantino
Inizio della costruzione 527
Completamento 565
Distruzione
Soppressione {{{Soppressione}}}
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Strutture preesistenti {{{Strutture preesistenti}}}
Pianta {{{Pianta}}}
Tecnica costruttiva {{{Tecnica costruttiva}}}
Materiali {{{Materiali}}}
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima {{{AltezzaMassima}}}
Larghezza Massima {{{LarghezzaMassima}}}
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima {{{ProfonditàMassima}}}
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata {{{AltezzaNavata}}}
Larghezza Navata {{{LarghezzaNavata}}}
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni {{{Iscrizioni}}}
Marcatura {{{Marcatura}}}
Utilizzazione {{{Utilizzazione}}}
Note
Coordinate geografiche
28°33′20″N 33°58′34″E / 28.555556, 33.976111 bandiera Egitto
Mappa di localizzazione New: Egitto
Monastero di Santa Caterina
Monastero di Santa Caterina
Alessandria
Alessandria
Il Cairo
Il Cairo
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
Monastero di Santa Caterina
Saint Catherine Area
Santa Catarina Sinai 2003.JPG
Tipologia Architettonico
Criterio C (i)(iii)(iv)(vi)
Pericolo Nessuna indicazione
Anno 2002
Scheda UNESCO inglese
francese
[[Immagine:|300px]]
Patrimoni dell'umanità in Egitto

Il Monastero di Santa Caterina o Monastero della Trasfigurazione o in greco Μονὴ τῆς Ἁγίας Αἰκατερίνης è un monastero del VI secolo situato ai piedi del monte Sinai in Egitto, alla foce di un canyon inaccessibile. Dedicato a Santa Caterina d'Alessandria, è il più antico monastero cristiano ancora esistente. Nel 2002 è stato dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO per la sua architettura bizantina e perché luogo sacro per tre grandi religioni: Cristianesimo, Islam ed ebraismo. Il monastero conserva inoltre una vasta collezione di manoscritti e icone antichissimi.

Storia

Sant'Elena, madre dell'imperatore Costantino, nel 328, fece costruire una cappella nel luogo dove, secondo la tradizione, Mosè parlò con Dio nell'episodio biblico del roveto ardente 3,2-6).

Fra il 527 e il 565 l'imperatore Giustiniano I di Bisanzio accanto alla cappella fece costruire il monastero, il cui nome originale era Monastero della Trasfigurazione, successivamente fu chiamato Monastero di Santa Caterina perché poco distante da esso, in una grotta sul monte Sinai, attorno all'800, i monaci ritrovarono il corpo di santa Caterina d'Alessandria, che dopo il martirio, avvenuto per decapitazione, perché la ruota alla quale era stata legata si era rotta, era stato trasportato sul Sinai dagli angeli. Queste reliquie furono portate all'interno del monastero e divennero oggetto di culto per i numerosi pellegrini. Giustiniano circondò il monastero con mura possenti per difenderlo dai predoni. Lo fornì anche delle prime icone, risalenti al V-VI secolo e realizzate con la tecnica dell'encausto, tra cui:

  • icona di Cristo con un codice in mano del V secolo; con la folta barba leggermente decentrata, i capelli fluenti, un piccolo ciuffo sulla scriminatura ed i baffi alla "mongola" diviene una rappresentazione canonica per tutta l'epoca bizantina. Si nota anche un leggero disasse tra volto e busto (carattere dei maestri greci) e la diversificazione degli occhi.
  • icona con testa di Pantocratore divenuta anch'essa canonica.
  • icona con Vergine, San Teodoro e San Giorgio: trittico iscritto su un'esedra, con le figure rappresentate frontalmente nella posizione iconografica propria degli imperatori; il volto della Vergine ha lo sguardo in leggera diagonale, carattere tipico delle rappresentazioni agiografiche greco-bizantine. Due angeli compaiono sullo sfondo, con colori diafani a rappresentarne l'incorporeità.
  • icona con San Sergio e San Bacco: entrambi indossano un collare circolare incastonato di pietre preziose; un piccolo volto di Cristo al centro unisce le due figure.
Icona di San Pietro conservata nel Monastero di Santa Caterina
  • icona con San Pietro principe degli apostoli: in un fondale architettonico con un'esedra, compaiono oltre al santo tre figure superiori (un santo giovanile, Cristo e la Vergine); si nota il naturalismo di barbe e capigliature, ed ancora la diversificazione degli occhi.

Nel monastero è conservato un documento, di pugno di Maometto, con cui accordava protezione al monastero, perché all'interno di esso era stato accolto e protetto dai nemici. In virtù di questo documento il monastero sopravvisse alla dominazione araba, anche se i monaci erano stati dispersi. All'interno delle sue mura fu costruita una moschea, che però non venne mai aperta al culto, perché, per errore, non era stata orientata verso la Mecca.

Durante il VII secolo i monaci furono dispersi, ma il monastero sopravvisse perché ben protetto dalle mura possenti. L'unico accesso attraverso esse è una piccola porta.

Patrimonio culturale

Esso ha una grande importanza, perché contiene la seconda più grande raccolta di codici e manoscritti del mondo, superato solo dalla Biblioteca Apostolica Vaticana. In esso si trovano più di 3.500 volumi in greco, copto, arabo, armeno, ebraico, georgiano, siriaco e altre lingue. Tra questi figura la Bibbia più antica conservata, datata al VI secolo a.C.. Inoltre in esso si trovano opere d'arte uniche, tra cui mosaici, icone russe e greche, paramenti religiosi, calici e reliquiari.

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.