Moltiplicazione dei pani e dei pesci (Pedro Orrente)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
RUS MuErmitage P.Orrente MoltiplicazionePani+Pesci 1613ca.jpg
Pedro Orrente, Moltiplicazione dei pani e dei pesci (1613 ca.), olio su tela
Moltiplicazione dei pani e dei pesci
Opera d'Arte
Stato

bandiera Russia

Distretto federale Nordoccidentale
Regione ecclesiastica [[|]]
Soggetto federale
Comune

San Pietroburgo

Località
Diocesi
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Museo dell’Ermitage
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Gesù Cristo moltiplica i pani e i pesci
Datazione 1613 ca.
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Pedro Orrente

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tela
Misure h. 106 cm; l. 136 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
Dopo questi fatti, Gesù andò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e una grande folla lo seguiva, vedendo i segni che faceva sugli infermi. Gesù salì sulla montagna e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Alzati quindi gli occhi, Gesù vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove possiamo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva bene quello che stava per fare. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo». Gli disse allora uno dei discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci; ma che cos'è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C'era molta erba in quel luogo. Si sedettero dunque ed erano circa cinquemila uomini. Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li distribuì a quelli che si erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, finché ne vollero. E quando furono saziati, disse ai discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d'orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
Virgolette chiuse.png

La Moltiplicazione dei pani e dei pesci è un dipinto, realizzato nel 1613 circa, ad olio su tela, dal pittore spagnolo Pedro Orrente (1580 - 1645), conservato presso il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo (Russia).

Descrizione

La scena del dipinto si svolge nel verde delle colline presso il lago di Tiberiade, dove compaiono:

  • Gesù Cristo, seduto, a sinistra della scena, opera il miracolo benedicendo la cesta cinque pani d'orzo e due pesci;
  • Apostoli, accanto a Gesù, sono stupiti di fronte al miracolo appena avvenuto;
  • ragazzo, in piedi davanti a Gesù, con due pesci permette di indicare nel Vangelo di Giovanni l’esatta fonte letteraria;
  • sant'Andrea, fratello di san Pietro, è l’apostolo accanto al ragazzo con i pesci;
  • folla dei fedeli accorsi per ascoltare Gesù si perde in lontananza: Giovanni calcola in circa cinquemila le persone presenti. Tra essi si notano ceste e ceste di cibo che sono fatte passare tra i fedeli. Alla fine, avanzeranno dodici canestri di pani d’orzo.
Bibliografia
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Mondadori Electa Editore, Milano 2002, p. 187 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.