Monotelismo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Il monotelismo (dal greco μονος, monos e θέλημα, thélema, "unica volontà") o monoenergismo (dal greco μονος, monos e ἐνέργεια, enérghĕia, "unica energia") è una eresia cristologica sorta a Costantinopoli nel VII secolo.

Affermava che nella persona di Cristo vi era la sola volontà divina la quale aveva assorbito quella umana, limitando dunque la vera umanità di Cristo, in una sorta di versione più blanda del monofisismo (in Cristo la natura divina aveva assorbito quella umana).

L'eresia fu propugnata in particolare dal patriarca di Costantinopoli Sergio I (610-638), che agiva su pressione dell'imperatore bizantino Eraclio I (610-641), intenzionato a ricomporre la frattura con la chiesa monofisita d'Egitto. L'imperatore impose la fede monotelita con l'editto noto come Ectesi (638), e il successivo editto Typos (648) dell'imperatore Costante II tentò di chiudere la diatriba proibendo altre discussioni.

Massimo il Confessore fu uno dei principali oppositori del monotelismo, e per evitare la sua predicazione l'imperatore Eraclio gli fece tagliare lingua e mano destra. Anche Papa Martino I (645-655) fu contrario al monotelismo, e in occasione del Concilio Lateranense (649) fece condannare gli editti Ectesi e Typos. L'imperatore Costante II fece dunque arrestare e deportare a Costantinopoli il papa, che morì in esilio in Crimea nel 655.

L'eresia fu formalmente condannata nell'ecumenico Concilio di Costantinopoli III (680-681).


Note


Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.