Monofisismo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Il monofisismo è un'eresia cristologica del V secolo, sostenuta dal monaco Eutiche: questi affermava l'esistenza in Cristo della sola natura divina.

Il termine deriva dal greco μονος, monos = "solo" e ϕύσις, ýsis = "natura". Tale dottrina infatti riconosceva a Cristo la sola divinità e ne cancellava l'umanità. Ciò è stato rigettato dalla Chiesa: essa ha sempre insegnato che in Cristo esistono due nature, quella divina e quella umana.

La condanna da parte della Chiesa

L'errore teologico del monofisismo venne rilevato sia in Oriente sia a Roma. Papa Leone I, scrivendo a Flaviano patriarca di Costantinopoli, il 13 giugno 449, lo condannava affermando:

«la Chiesa si nutra di questa fede e con essa progredisca: non si può credere che in Gesù Cristo sussista un'umanità senza la vera divinità e la divinità senza una vera umanità.»

La condanna fu formalizzata dal concilio di Calcedonia nel 451.

Nel VI secolo Severo di Antiochia (465-538) tentò di far rivivere un monofisismo di tipo moderato, ma nel 518 l'imperatore Giustino I lo esiliò ristabilendo la retta dottrina.

Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.