Stazione quaresimale

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Stazione quaresimale

La Stazione quaresimale, nel rito romano, è il rito che dà l'avvio alla Quaresima.

Il termine "stazione" è inteso come lo "stare" davanti al Signore nell'atteggiamento di lode, ed essere pronti per testimoniare e annunciare Gesù Cristo e il suo Vangelo.

Secondo l'antichissima tradizione romana delle stationes quaresimali, i fedeli, insieme ai pellegrini, ogni giorno si radunano e fanno sosta - statio (luogo di fermata) - presso una delle tante memorie dei Martiri, che costituiscono le fondamenta della Chiesa di Roma.

Si parte da una chiesa, detta chiesa colletta (ossia di raccolta), e al canto delle Litanie dei Santi, in forma processionale si va verso un'altra, e presso quest'ultima ci si ferma ("chiesa stazionale"), e ivi viene celebrata la Santa Messa.[1] Si fa così memoria di quanti con il loro sangue hanno reso testimonianza a Cristo, e la loro evocazione diventa stimolo per ciascun cristiano a rinnovare la propria adesione al Vangelo.

Malgrado il passare dei secoli, questi riti conservano il loro valore, per accogliere da parte dei credenti le parole di Gesù: Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua (Lc 9,23).

La stazione quaresimale si differenzia dalla Via crucis che è solitamente composta da 14 stazioni. Con essa si ripercorrono le ultime fasi della Passione del Signore: dalla condanna davanti al pretorio di Ponzio Pilato fino alla sepoltura, presso il Calvario.

Note
  1. A causa di ciò il termine statio è diventato anche sinonimo di assemblea.
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.