Sacra Congregazione della Romana e Universale Inquisizione

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Indice dei libri proibiti)
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando l'istituzione succeduta al Sant'Uffizio, vedi Congregazione per la Dottrina della Fede.
Sacra Congregazione della Romana e Universale Inquisizione
Mantenere e difendere l'integrità della fede, esaminare e proscrivere gli errori e le false dottrine
Eretto: 21 luglio 1542
Soppresso:
Nuovo nome: Congregazione del sant'Uffizio,
1908
Nuovo nome: Congregazione per la Dottrina della Fede,
1965
Successori

dati

Santa Sede · Chiesa cattolica
elenco dicasteri della Curia Romana
Joseph Nicolas Robert-Fleury, Galileo davanti al Santo Uffizio, 1847 - Parigi, Museo del Louvre

La Congregazione della sacra romana e universale Inquisizione o Sant'Uffizio fu una struttura della Chiesa cattolica creata nel 1542 da papa Paolo III con la bolla Licet ab initio.

Il primo presidente della congregazione fu Giovanni Pietro Carafa, futuro papa Paolo IV.

Corrisponde alla vecchia Inquisizione ed è ora invece chiamata Congregazione per la Dottrina della Fede.

Struttura e compito

Il Sant'Uffizio consisteva di un collegio permanente di cardinali e altri prelati che dipendeva direttamente dal Papa.

Il suo compito esplicito era mantenere e difendere l'integrità della fede, esaminare e proscrivere gli errori e le false dottrine. A questo scopo fu anche creato l'Indice dei libri proibiti.

Ambito di operatività

Il raggio d'azione degli inquisitori romani era la Chiesa cattolica, ma la sua azione, tranne alcuni casi (come il cardinale inglese Reginald Pole), si restrinse quasi solo all'Italia.

In breve tempo questo tribunale divenne il più importante all'interno della cattolicità, infatti ad esso potevano appellarsi i condannati da altri tribunali. Inoltre divenne quasi una sorta di tribunale d'appello dei tribunali locali.

In specifici casi il Sant'Uffizio si serviva della consulenza di professionisti esterni (teologi soprattutto ed esperti di diritto canonico, ma anche scienziati come nel caso di Galilei). Non tutti i processi per eresia, ateismo e altre devianze dalla fede cattolica erano gestiti dall'Inquisizione. In Francia, durante la monarchia assoluta, atei e bestemmiatori erano processati dai tribunali civili.

Tra i nomi celebri inquisiti dal Sant'Uffizio: Francesco Patrizi, Giordano Bruno, Tommaso Campanella, Gerolamo Cardano, Galileo Galilei (vedi processo a Galileo Galilei).

Altri progetti

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.