Ausculta Fili

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ausculta Fili
Bolla pontificia di Bonifacio VIII
Stemma-Bonifacio-VIII.jpg
[[File:{{{immagine}}}|250px|center]]
Data 1301
(VIII di pontificato)
Approvazione {{{approvazione}}}
Traduzione del titolo Ascolta figlio
Argomenti trattati Rimproveri contro Filippo il Bello
Bolla precedente Ad honorem Dei
Bolla successiva Unam Sanctam Ecclesiam


Tutti i documenti di Bonifacio VIII
Tutte le Bolle pontificie

Ausculta Fili è una bolla di papa Bonifacio VIII, pubblicata il 5 dicembre 1301. Con questo documento il pontefice convocava un sinodo a Roma, citando a giudizio il re francese Filippo il Bello con l'accusa di oppressione del clero e di governo tirannico.

Nel 1301, il re di Francia, aveva arrestato il vescovo di Pamiers, Bernard Saisset, accusato di incitare alla rivolta la Linguadoca. Il vescovo Saisset fu consegnato al vescovo di Narbona perché, essendo un ecclesiastico, si doveva ridurlo allo stato laicale prima di giudicarlo per tradimento. Il papa rifiutò la sentenza di un tribunale laico, e ordinò la scarcerazione del Saisset perché venisse giudicato da un tribunale ecclesiastico.

In Francia la bolla fu sostituita da un falso contenente ingiurie conto il re, la falsa bolla fu bruciata in pubblico e utilizzata per sobillare il clero e il popolo francese contro il Papa e il re proibì ai vescovi di recarsi a Roma. Ciò nonostante trentanove vescovi francesi si presentarono al sinodo romano che produsse la Unam Sanctam Ecclesiam, testo classico della ierocrazia pontificia.

Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.