Basilica costantiniana di Sant'Agnese (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Basilica costantiniana di Sant'Agnese
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma MausoleoS.Costanza+Basilica-costantiniana.jpg
Basilica costantiniana di Sant'Agnese (resti) e Mausoleo di Santa Costanza
Altro nome
Collocazione storica
Civiltà Romana
Oggetto generico Chiesa
Oggetto specifico Basilica
Dedicazione Sant'Agnese di Roma
Dedicazione non cristiana
Fondatore Costanza (o Costantina)
Data fondazione 337-351
Architetto
Scopritore Antonio Bosio
Data scoperta XVI secolo
Datazione
Inizio della costruzione 337-351
Completamento
Distruzione VII secolo
Soppressione
Scomparsa
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Preesistenze Catacomba di Sant'Agnese
Pianta circense (detta anche a "U")
Tecnica costruttiva
Materiali tufo e laterizi
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Localizzazione
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località o frazione
Diocesi Diocesi di Roma
Vicariatus Urbis
Altitudine massima m slm
Altitudine minima m slm
Dimensioni
Superficie m2
Altezza m
Larghezza 40,30 m
Lunghezza 98,30 m
Volume m3
Profondità m
Diametro m
Inclinazione °
Scavi
Datazione scavi 1954-1955
Organizzazione scavi
Amministrazione
Proprietà
Parte di Complesso monumentale di Sant'Agnese fuori le Mura
Ente
Responsabile
Indirizzo Via Nomentana, 349
00162 Roma (RM)
Telefono +39 06 86205456; +39 06 8610840
Fax +39 06 8610840
Posta elettronica SantAgnesefuorileMura@VicariatusUrbis.org
Sito web [{{{Sito web}}} sito web ufficiale]
Sito web 2
Informazioni
Note
Coordinate geografiche
41°55′24″N 12°31′01″E / 41.923279, 12.517043 bandiera Italia
Dati UNESCO
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Basilica costantiniana di Sant'Agnese era una chiesa di Roma, situata lungo la via Nomentana, nel quartiere Trieste, di cui oggi sopravvivono solamente alcuni imponenti ruderi, visibili principalmente dal retro del complesso monumentale, ovvero da piazza Annibaliano. Essa, insieme alla vicina Basilica di Sant'Agnese fuori le Mura, al Mausoleo di Santa Costanza e alla Catacomba di Sant'Agnese, costituisce probabilmente il più importante e articolato complesso monumentale che testimoni l'età paleocristiana e altomedievale in Roma; di grande suggestione e di estremo interesse storico-artistico e archeologico.

Storia

Complesso monumentale di Sant'Agnese fuori le Mura, pianta
Legenda: A, B, C, D - Catacombe di Sant'Agnese; E - Basilica di Sant'Agnese; F - Basilica costantiniana.

La Basilica costantiniana fu riscoperta nel XVI secolo dall'archeologo Antonio Bosio (1575 - 1629), ma è stata identificata definitivamente dopo gli scavi del 1954-1955, con un abside sostenuta da grandi contrafforti (visibili sul lato occidentale del sito), che in precedenza si riteneva fosse un'area cimiteriale.

La basilica venne fatta costruire da Costanza (o Costantina), figlia dell'imperatore Costantino e di Fausta, su un terreno di famiglia, presso il luogo di sepoltura della martire Agnese, della quale era devota probabilmente a causa di una guarigione, tra il 337 e il 351, nel periodo in cui risiedeva a Roma dopo la morte del marito Annibaliano, fatto uccidere dal fratello di lei, Costanzo. Come accaduto in casi simili, la basilica non fu innalzata direttamente sulla tomba della martire, ma accanto ad essa. La sua costruzione comportò l'abbandono di una necropoli preesistente, sovrastante la regio IV della catacomba.

Nel 358, presso questa basilica trovò rifugio papa Liberio (352 - 366), mentre la Santa Sede era occupata dall'antipapa Felice II. Anche papa Bonifacio I (418 - 422), a causa di un altro antipapa Eulalio, che aveva occupato la sede del Laterano, fu costretto ad amministrare qui il battesimo di Pasqua, come ricorda il Liber Pontificalis (I, 227):

« Celebravit baptismum Paschae in basilica beatae martyris Agnae. »

Sempre secondo la testimonianza del Liber Pontificalis, papa Simmaco (498-514) fece degli interventi di restauro, all'inizio del VI secolo, dei quali però non si è trovata traccia:

(LA) (IT)
« Hic absidam beatae Agnae quae in ruinam inminebat et omnem basilicam renouauit  » « [Simmaco] restaurò il sepolcro della beata Agnese, che stava cadendo in rovina e tutta la basilica  »

L'edificio fu abbandonato probabilmente nel VII secolo, quando Onorio I (625 - 638) fece costruire l'attuale Basilica di Sant'Agnese, direttamente sopra il luogo di sepoltura della martire.

Descrizione

Basilica costantiniana di Sant'Agnese, interno e muro perimetrale

La basilica di grandi dimensioni (40,30 x 98,30 metri), a pianta circense (detta anche a "U"), fu costruita nella tipica opera listata (in latino, opus vittatum) di epoca costantiniana, ossia in fasce orizzontali simili a bende ("vittae") di blocchi tufacei alternate a mattoni.

Le navate laterali si prolungavano nel deambulatorio dietro l'abside che concludeva la navata centrale ed erano coperte con tetto a capriate, poggianti sul muro perimetrale poco al di sopra delle finestre quadrangolari, singolarmente interrotte al centro della curva absidale da un oculo sovrapposto ad una feritoia. Le colonne sostenevano arcate in muratura, anziché una trabeazione continua. All'interno della navata centrale, in corrispondenza dell'abside, sorgeva un'aula absidata, larga 5,70 m, in muratura di soli tufelli, di incerta funzione.

L'edificio era presumibilmente circondato da altre tombe e mausolei, tra cui quello ancora oggi sopravvissuto della principessa imperiale Costanza. Attorno c'erano piantagioni e vigneti, essendo l'area lontana dalla città edificata.

Dell'antica basilica oggi rimangono soltanto pochi ruderi, come il grande muro perimetrale ben visibile dalla piazza Annibaliano, dove si possono notare i suoi alti contrafforti a gradoni poggianti su sostruzioni, mentre dell'area interna, ricoperta da un prato, non rimangono né tetto, né pavimentazione, né colonne che probabilmente furono riutilizzate per la costruzione nella prima metà del VII secolo della chiesa onoriana.

Bibliografia
  • Filippo Coarelli, Dintorni di Roma, col. "Guide Archeologiche", Laterza, Bari, 1981, p. 196
  • Marina Magnani Cianetti, Carlo Pavolini, La basilica costantiniana di Sant'Agnese, col. "Soprintendenza Archeologica di Roma", Mondadori-Electa, Milano, 2004, ISBN 9788837029739
  • Pasquale Testini, Archeologia cristiana, Edipuglia, Bari, 1980, pp. 244-245
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.