Chierici Regolari della Madre di Dio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Chierici Regolari della Madre di Dio
in latino Ordo Clericorum Regularium Matris Dei
Clerks Regular of the Mother of God's coa.jpg

Istituto di vita consacrata
Ordine di chierici regolari di diritto pontificio

Altri nomi
Fondatore Giovanni Leonardi
Data fondazione 1574
sigla O.M.D.
Rettore Generale Francesco Petrillo
Approvato da Clemente VIII
Data di approvazione 1595
Scopo ministero sacerdotale e opere di apostolato
Collegamenti esterni

Sito ufficiale

Scheda su gcatholic.com
Scheda su catholic-hierarchy.org

I Chierici Regolari della Madre di Dio (in latino Ordo Clericorum Regularium Matris Dei) sono un ordine religioso di chierici regolari: i membri di questo ordine, detti comunemente Leonardini (dal nome del fondatore), pospongono al loro nome la sigla O.M.D.

Storia

Venne fondato a Lucca il 1° settembre 1574 da san Giovanni Leonardi, come Congregazione dei Preti Riformati della Beata Vergine; i suoi statuti vennero approvati dalla Santa Sede con il breve Ex quo divina majestas di papa Clemente VIII (13 ottobre 1595).

La congregazione venne elevata ad Ordine religioso il 3 novembre 1621 da papa Gregorio XV: la sua curia generalizia, da Clemente VIII fissata in origine presso la chiesa romana di Santa Maria in Portico (breve Apud Sanctum Marcum del 14 agosto 1601), fu trasferita nel 1662 nella chiesa di Santa Maria in Campitelli, dove vengono anche conservate le spoglie del fondatore.

Attività e diffusione

Scopo dei Chierici Leonardini è l'esercizio del ministero sacerdotale e delle opere di apostolato.

Al 31 dicembre 2005, l'ordine contava 16 case e 60 religiosi, 44 dei quali sacerdoti[1]; dal 2004 ne è Rettore Generale padre Francesco Petrillo.

Note
  1. Dati statistici riportati dall'Annuario Pontificio per l'anno 2007, Città del Vaticano, 2007, p. 1471.
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.