Congregazione dei Fratelli di San Francesco Saverio

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Congregazione dei Fratelli di San Francesco Saverio
in latino Congregatio Fratrum a S. Francisco Xaverio
Fratelli Saveriani logo.jpg

Istituto di vita consacrata
Congregazione laicale maschile di diritto pontificio

Altri nomi
Fratelli Saveriani
(EN) Xaverian Brothers
Fondatore Theodor Rijken
Data fondazione 5 giugno 1839
Luogo fondazione Bruges, in Belgio
sigla C.F.X.
Titolo superiore
Approvato da Pio XII
Data di approvazione 7 novembre 1939
Scopo istruzione ed educazione cristiana della gioventù
Collegamenti esterni

Sito ufficiale

I Fratelli di San Francesco Saverio (in latino Congregatio Fratrum a S. Francisco Xaverio, in inglese Xaverian Brothers) sono un istituto religioso maschile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione laicale, detti comunemente Fratelli Saveriani, pospongono al loro nome la sigla C.F.X.[1]

Cenni storici

La congregazione fu fondata a Bruges, in Belgio, il 5 giugno 1839 da Theodor Rijken (1797-1871) per istruire ed educare la gioventù,[2] specialmente in terra di missione: il vescovo di Bruges François-René Boussen, approvò il primo regolamento della fraternità il 4 settembre 1841 e il 22 ottobre 1846 i primi postulanti emisero la loro professione dei voti religiosi.[3]

Dal Belgio, i religiosi si diffusero prima in Inghilterra (1848) e poi soprattutto negli Stati Uniti d'America e nel Congo belga.[2]

L'istituto ottenne il pontificio decreto di lode il 10 dicembre 1927: le sue costituzioni vennero approvate dalla Santa Sede il 12 gennaio 1931 e, definitivamente, il 7 novembre 1939.[3]

Attività e diffusione

I Fratelli Saveriani si dedicano all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù.[1]

Sono presenti in Belgio, Bolivia, Repubblica Democratica del Congo, Haiti, Kenya, Lituania, Regno Unito e Stati Uniti:[4] la sede generalizia è a Baltimora.[1]

Al 31 dicembre 2005, la congregazione contava 82 case e 227 religiosi.[1]

Note
  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Ann. Pont. 2007, p. 1504.
  2. 2,0 2,1 Enciclopedia Rizzoli Larousse, vol. XIII (1970), ad nomen, voce saveriani.
  3. 3,0 3,1 DIP, vol. IV (1977), coll. 702-704, voce a cura di J. Devadden.
  4. Xaverian Brothers: Ministries su xaverianbrothers.org. URL consultato il 11-7-2009
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.