Esicasmo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

L'esicasmo (dal greco ἡσυχασμός hesychasmos, da ἡσυχία hesychia, calma, pace, tranquillità, assenza di preoccupazione) è una dottrina e pratica ascetica diffusa tra i monaci dell'Oriente cristiano fin dai tempi dei Padri del deserto (IV secolo).

Scopo dell'esicasmo è la ricerca della pace interiore, in unione con Dio e in armonia con il creato.

Origini e significato del termine

Divulgata da Evagrio Pontico (IV secolo) e da altri maestri spirituali tra cui nel VI secolo spicca San Giovanni Climaco autore della Scala del Paradiso, la pratica dell'esicasmo è ancora viva sul Monte Athos e in altri monasteri ortodossi. Sull'Athos essa ricevette un impulso decisivo dall'opera di Gregorio Palamas (morto nel 1359) e nei secoli successivi dagli scritti di teologi e mistici raccolti nella Filocalia.

Descrizione della pratica

Gli esicasti praticano la cosiddetta preghiera di Gesù o preghiera del cuore, che consiste nella ripetizione incessante della stessa formula, detta monologhion o monologhistos, secondo il ritmo del proprio respiro: "Signore Gesù Cristo, figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore", in greco: "Κύριε Ιησού Χριστέ, Yιέ Θεού ελέησον με τον αμαρτωλό, Kýrie Iesoú Christé, ié Theoú eléeson me ton amartoló". Tale preghiera - resa celebre dai Racconti di un pellegrino russo di un anonimo del XIX secolo, spesso ripetuta in posizione seduta, portava alcuni monaci anziani ad assopirsi con la testa sul petto. Un monaco ostile alla vita esicasta, Barlaam (XIV secolo), accusò con sarcasmo gli esicasti di praticare l'onfaloscopia, ossia la contemplazione del proprio ombelico.

Accusa di eresia, dibattito teologico

Tale dottrina mistica provocò forti contrasti nell'impero bizantino intorno al XIV secolo. Il contrasto, che ebbe anche implicazioni politiche, divise i capi religiosi dell'impero per almeno dieci anni (1341-1351 ca), contribuendo poi ad indebolirlo sul fronte turco.

Considerata come pienamente ortodossa da molti maestri e uomini di chiesa, tale pratica spirituale - che taluni paragonano a una forma di yoga cristiano - ha influenzato il rinnovamento monastico in tutto l'Oriente cristiano e in particolare nel mondo slavo.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.