Missionarie dell'Immacolata

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Missionarie dell'Immacolata
in latino '''''
LogoMDI.jpg
Emblema della congregazione.

Istituto di vita consacrata
Congregazione religiosa femminile di diritto pontificio

Altri nomi
Fondatore suor Giuseppina Dones
Data fondazione 8 dicembre 1936
Luogo fondazione Milano
sigla M.d.I.
Titolo superiore
Prima approvazione da Arcidiocesi di Milano il 25 marzo 1938
Data di approvazione 2 aprile 1962
Scopo opere caritative e sociali.
Collegamenti esterni
Sito ufficiale

Le Missionarie dell'Immacolata sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla M.d.I.[1]

Cenni storici

Nel capitolo generale celebrato a Hong Kong nel 1934, i padri del Pontificio Istituto Missioni Estere decisero di creare un ramo femminile di religiose dedite all'evangelizzazione dei non cristiani nei territori loro affidati dalla Santa Sede.[2]

La fondazione dell'istituto fu affidata a suor Giuseppina Dones (1880-1967), delle Suore della Riparazione, che aveva già collaborato con Paolo Manna, superiore generale del PIME, a partire dal 1917: la Dones diede formalmente inizio alla congregazione a Milano l'8 dicembre 1936 e le Missionarie dell'Immacolata vennero approvate come istituto diocesano il 25 marzo 1938.[2]

La congregazione ricevette il riconoscimento di istituzione di diritto pontificio il 2 aprile 1962.[2]

Attività e diffusione

Le Missionarie dell'Immacolata si dedicano a varie opere caritative e sociali. Sono impegnate: nel campo della salute e della prevenzione sanitaria; nell'area dello sviluppo; nella formazione di donne, giovani e bambini; nel lavoro pastorale e catechetico; nell'animazione missionaria e vocazionale.

Sono presenti in Bangladesh, Brasile, Camerun, Guinea Bissau, Hong Kong, India, Italia, Papua-Nuova Guinea;[3] la sede generalizia è a Roma.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 912 religiose in 108 case.[1]

Note
  1. 1,0 1,1 1,2 Ann. Pont. 2007, p. 1613.
  2. 2,0 2,1 2,2 DIP, vol. V (1978), coll. 1561-1563, voce a cura di A. Rizza.
  3. Missionarie dell'Immacolata. Dove siamo su sito2.domusmedia.it. URL consultato il 10-10-2009
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.