Missionarie dell'Immacolata

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Missionarie dell'Immacolata
in latino '''''
LogoMDI.jpg
Emblema della congregazione.

Istituto di vita consacrata
Congregazione religiosa femminile di diritto pontificio

Altri nomi
Fondatore suor Giuseppina Dones
Data fondazione 8 dicembre 1936
Luogo fondazione Milano
sigla M.d.I.
Titolo superiore
Prima approvazione da Arcidiocesi di Milano il 25 marzo 1938
Data di approvazione 2 aprile 1962
Scopo opere caritative e sociali.
Collegamenti esterni
Sito ufficiale

Le Missionarie dell'Immacolata sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla M.d.I.[1]

Cenni storici

Nel capitolo generale celebrato a Hong Kong nel 1934, i padri del Pontificio Istituto Missioni Estere decisero di creare un ramo femminile di religiose dedite all'evangelizzazione dei non cristiani nei territori loro affidati dalla Santa Sede.[2]

La fondazione dell'istituto fu affidata a suor Giuseppina Dones (1880-1967), delle Suore della Riparazione, che aveva già collaborato con Paolo Manna, superiore generale del PIME, a partire dal 1917: la Dones diede formalmente inizio alla congregazione a Milano l'8 dicembre 1936 e le Missionarie dell'Immacolata vennero approvate come istituto diocesano il 25 marzo 1938.[2]

La congregazione ricevette il riconoscimento di istituzione di diritto pontificio il 2 aprile 1962.[2]

Attività e diffusione

Le Missionarie dell'Immacolata si dedicano a varie opere caritative e sociali. Sono impegnate: nel campo della salute e della prevenzione sanitaria; nell'area dello sviluppo; nella formazione di donne, giovani e bambini; nel lavoro pastorale e catechetico; nell'animazione missionaria e vocazionale.

Sono presenti in Bangladesh, Brasile, Camerun, Guinea Bissau, Hong Kong, India, Italia, Papua-Nuova Guinea;[3] la sede generalizia è a Roma.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 912 religiose in 108 case.[1]

Note
  1. 1,0 1,1 1,2 Ann. Pont. 2007, p. 1613.
  2. 2,0 2,1 2,2 DIP, vol. V (1978), coll. 1561-1563, voce a cura di A. Rizza.
  3. Missionarie dell'Immacolata. Dove siamo su sito2.domusmedia.it. URL consultato il 10-10-2009
Bibliografia
Collegamenti esterni